SALERNO SIGARETTE E DROGA: I BASCHI VERDI SMANTELLANO UNA GANG DEL CONTRABBANDO . I NOMI

0

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Salerno/Gruppo Investigativo sulla Criminalità Organizzata stanno eseguendo un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Salerno su richiesta avanzata dalla locale Procura della Repubblica/D.D.A., nell’ambito di un’attività delegata di polizia giudiziaria nei confronti dei soggetti di seguito indicati: DI DOMENICO Massimo, ARRESTI IN CARCERE; BRIGANTINO Gennaro, ARRESTI IN CARCERE; ALFIERI Angelo, ARRESTI AI DOMICILIARI; AVALLONE Gianfranco, ARRESTI DOMICILIARI; DI DOMENICO Lorenzo, ARRESTI DOMICILIARI; ALFINITO Luciano, ARRESTI DOMICILIARI; NOVELLA Antonio, ARRESTI DOMICILIARI; DE FELICE Francesco, ARRESTI DOMICILIARI; ARCELLA Angelo, ARRESTI DOMICILIARI; PUCCI Aniello, ARRESTI DOMICILIARI; ALFIERI Umberto, ARRESTI DOMICILIARI; TRANCHINO Giuseppe, ARRESTI DOMICILIARI; BOCCIA Pio, OBBLIGO DI DIMORA; DE CHIARA Luigi, OBBLIGO DI DIMORA. Ai soggetti sopra richiamati vengono contestate le ipotesi di associazione a delinquere finalizzata al contrabbando illecito di tabacchi lavorati esteri – ex art. 291 quater del D.P.R. 43/1973, contrabbando di t.l.e., ex art. 291 bis del medesimo decreto, e spaccio di sostanze stupefacenti, fattispecie prevista e punita dall’art. 73 del D.P.R. n. 309/’90. Ai 14 soggetti attinti da ordinanza, si aggiungono altri 12 indagati, ai quali vengono contestate le medesime ipotesi delittuose. Le ordinanze in corso di esecuzione costituiscono l’epilogo di una complessa ed articolata attività investigativa condotta, dall’anno 2012, dal G.I.C.O. del Nucleo P.T. di Salerno, mirata a ricostruire un sodalizio criminale orbitante nell’area del porto commerciale di Salerno e dedita, in particolare, al contrabbando di ingenti quantitativi di tabacchi lavorati esteri. Le indagini, approfondite anche mediante l’utilizzo di intercettazioni telefoniche, appostamenti e pedinamenti, corroborate da opportuni e puntuali riscontri in loco, hanno consentito di accertare che alcuni dipendenti di una società addetta allo scarico delle merci dalle navi in approdo al porto – organizzati fra loro – hanno, con cadenza periodica, effettuato scarichi di tabacchi lavorati esteri, trasportati – artatamente occultati – all’interno di navi commerciali straniere “porta containers”. Dopo una prima fase di occultamento all’interno del porto, il t.l.e., abilmente celato all’interno di ulteriori containers, veniva poi trasferito al di fuori degli spazi doganali per poi esser smerciato e venduto, all’ingrosso o al dettaglio, nell’hinterland salernitano ed oplontino. Per il trasferimento della merce, i componenti dell’associazione si erano abilmente organizzati, sfruttando per l’occultamento ed il trasporto all’esterno, finanche personale delle imprese di pulizia operanti all’interno del medesimo scalo marittimo. Pertanto, gli indagati muniti di appositi pass, riuscivano ad eludere i controlli occultando il t.l.e. all’interno dei veicoli autorizzati ad entrare ed uscire dagli spazi doganali. L’attività repressiva di riscontro posta in essere, nell’ambito del t.l.e., ha consentito di sottoporre a sequestro ingenti quantitativi di tabacchi lavorati esteri e di monitorare episodi illeciti di acquisto e vendita di t.l.e. per complessivi kg. 500. Successivamente, l’attività intercettiva ha condotto ad ulteriori sviluppi investigativi in materia di spaccio di stupefacenti, posto in essere con il coinvolgimento di una parte dei soggetti già dediti al contrabbando di t.l.e.. In particolare, il monitoraggio telefonico ha consentito di delineare un preciso modus operandi, mediante il quale i soggetti acquirenti richiedevano agli spacciatori precise dosi di stupefacente da reperire. A tal punto, gli appartenenti della consorteria si organizzavano per il reperimento delle sostanze illecite nella zona di abituale rifornimento, ovvero nel quartiere Scampia di Napoli.

Lascia una risposta