Ultima offerta, ma Capoue è lontano

0

Un altro giorno senza un sì o un no. Che poi è un giorno in meno per poter regalare a Benitez il tassello- Capoue e un giorno in più per accrescere le perplessità sul suo arrivo a Napoli: ieri sera il fixing per l’arrivo del francese diceva decisamente più no che sì. Mentre per Henrique siamo veramente al fotofinish e manca solamente l’annuncio ufficiale, per il mediano del Totthenam la faccenda si è notevolmente complicata perché qualcosa ancora non torna. Soprattutto il prezzo totale dell’operazione. Gli inglesi non abbassano la pretesa iniziale: 15 milioni. Il Napoli si è spinto fino a 12 milioni e si è fermato. Poi è entrato di mezzo Raiola: il manager campano del centrocampista francese ha tentato di convincere il Tottenham a farlo partite. Magari anche in prestito. Niente da fare. Gli Spurs hanno alzato un muro: lo avrebbero dato via solo a patto di trovare un’alternativa che, al momento, non c’è. L’affare è in bilico. In 48 ore la verità. La giornata di ieri è stata caratterizzata anche dagli andirivieni (fra uffici) per il franco-algerino Faouzi Ghoulam che proprio sabato compirà 23 anni. È un esterno sinistro, proprio il ruolo che Benitez e Bigonin seguono disperatamente. È cresciuto con il Saint Etienne e ha già 87 presenze e un gol nel campionato francese. Ha giocato con l’Under 21 della Francia ma poi ha cambiato idea e ha detto di sì alla nazionale algerina con cui ha collezionato 4 convocazioni. Secondo il club transalpino, il suo cartellino vale 5 milioni: la prima offerta del ds napoletano arriva a 2,6 milioni più bonus, quindi un totale che sfiora i 3 milioni di euro. In realtà il Napoli lo vorrebbe in prestito,ma il Saint Etienne tratta solo la cessione a titolo definitivo. Chiacchiere. Ma l’affare potrebbe decollare dopo aver preso atto del no definitivo di Kevin Constant al passaggio in prestito al Napoli che neppure per un istante è stato sfiorato dall’idea di prenderlo a titolo definitivo. A un passo dalla fumata bianca invece il passaggio di Henrique dal Palmeiras: il centrale brasiliano deve prima superare i test fisico- atletici poi arriverà la firma e l’annuncio ufficiale. Nel pomeriggio emissari dei due club si sono incontrati per rifinire gli ultimi dettagli per il trasferimento (c’è una quota di circa il 25 per cento del cartellino, valutato 4 milioni, che è di proprietà della famiglia del difensore). Marcos Malaquias, agente del giocatore, secondo quanto riportato dal sito del quotidiano brasiliano Terra, conferma l’addio del suo assistito al club brasiliano. «Ha ricevuto un’offerta irrinunciabile garantendo un ottimo affare anche al Palmeiras». Lo stesso Benitez, nonostante quella di ieri fosse giornata di gara, ha occupato qualche ora a fare telefonate in giro. Ultimi due giorni di mercato, ultime 48 ore per gli affari della sessione invernale che si concluderà alle 23 di domani. Da oggi tutti all’Ata Executive di Milano per gli ultimi colpi a sorpresa. Il Napoli ha come esigenza quella di cedere Armero e uno tra Uvini e Paolo Cannavaro. L’ex udinese è ad un passo dal Milan mentre la Fiorentina ha chiesto anche notizie su Cannavaro. Il difensore azzurro è stato contattato da Reja che ne ha esaltato le sue doti morali e tecniche: non è escluso, comunque, che Cannavaro resti in azzurro fino a giugno. (Pino Taormina – Il Mattino)