Vico Equense. Lotta al precariato, sportello della Cgil aperto in Costiera

0

Vico Equense. Si è svolto presso il Comune di Vico Equense un incontro della Commissione Attività Produttive con il Responsabile Nidil-Cgil Penisola Sorrentina, Pasquale Cesarano, per discutere in merito alla proposta della Cgil di istituzione di un Osservatorio sulla precarietà ed il lavoro sommerso. Così Natale Maresca, presidente della suddetta Commissione: “Abbiamo preso atto della relazione di Cesarano, esprimendo interesse per l’iniziativa, già approvata in alcuni comuni, e ci siamo riproposti di approfondire il tema nelle prossime sedute al fine di proporre un’iniziativa in Consiglio Comunale. Come Commissione, cercheremo di essere un anello di congiunzione tra i diversi attori sociali e le Istituzioni”. “Dopo Piano di Sorrento – spiega Pasquale Cesarano della Nidil-Cgil – si discute dell’Osservatorio sulla precarietà ed il lavoro sommerso anche a Vico Equense. Per noi è fondamentale trovare adeguate sponde istituzionali. Vogliamo lavorare nell’esclusivo interesse del territorio e sappiamo che l’emancipazione di una comunità si misura dalla dignità e dalla legalità che c’è nel lavoro. La crisi ha eroso diritti, tutele ed opportunità anche in Penisola Sorrentina, sappiamo che c’è da recuperare un rapporto di quantità e di qualità del lavoro. L’Osservatorio è per noi una battaglia di civiltà, uno strumento di consulenza del Comune, con compiti di studio e programmazione. Ma sarà anche un organo collegiale, in cui debbono trovare adeguata rappresentanza le realtà sindacali, quelle imprenditoriali ed i tecnici di nomina politica, il tutto a costo zero per l’Ente. Pensiamo, nel rispetto dei tempi della politica, che si debba agire secondo una triplice direzione: diffondere la cultura della legalità e dei diritti, ridurre il fenomeno del lavoro nero, studiare forme di premialità per le aziende che rispettano i contratti di lavoro, attraverso una sorta di marchio di qualità”. Una presenza, quella delle Cgil, che dovrebbe servire a tenere anche a freno gli episodi di lavoro nero o non regolarizzato, come spesso accade. (Metropolis)