Massa Lubrense Fico conferma su Face Book interrogazione parlamentare del Movimento Cinque Stelle su Marina della Lobra

0

 Massa Lubrense Fico conferma su Face Book interrogazione parlamentare del Movimento Cinque Stelle su Marina della Lobra anticipata da Positanonews in edicola in Penisola Sorrentina e Costiera amalfitana  L’annuncio è arrivato in classico stile grillino, con un «post» su Facebook di Roberto Fico, deputato del Movimento Cinque Stelle e presidente della commissione di vigilanza Rai, scrive Salvatore Dare su Metropolis . «Abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare sul progetto che prevede lo stravolgimento del porto di Marina della Lobra, a Massa Lubrense, una perla della penisola sorrentina». Bum. E così, attendendo che martedì arrivi la sentenza della verità dal Consiglio di Stato, che dovrà pronunciarsi definitivamente sulla legittimità del project financing disegnato dall’amministrazione comunale del sindaco Leone Gargiulo a braccetto con la società di progetto Marinalobra (c’è un ricorso pendente dell’Autorità di Bacino sostenuto dagli ambientalisti, in primo grado il Tar della Campania però accolse le ragioni del Comune), spunta l’ennesima puntata della telenovela messa in piedi a Massa Lubrense per il restyling del borgo. Il Comune va avanti senza sosta, ma dall’altra parte c’è l’opposizione – ferrea – di associazioni (Wwf e Italia Nostra) e un comitato di cittadini. La decisione di Fico, cioè quella di portare la questione a Roma rivolgendosi direttamente ai ministri dei beni culturali e all’ambiente, Massimo Bray e Antonio Orlando, è stata salutata con entusiasmo dai vertici degli ambientalisti della penisola sorrentina. Soddisfatto il presidente del Wwf, Claudio d’Esposito: «Continueremo a lottare per difendere Marina della Lobra». L’interrogazione parlamentare del M5S parte da lontano, da uno degli incontri organizzati dai Meetup: cittadini e comitati hanno segnalato all’onorevole Fico il caso dell’antico porticciolo di Massa Lubrense per cui è previsto il progetto di riqualificazione al centro della battaglia legale al Consiglio di Stato. «Grazie al lavoro sul territorio e alla documentazione raccolta da Claudio d’Esposito (Wwf penisola sorrentina) – ha annunciato Fico – ho presentato un’interrogazione ai ministri dell’ambiente e dei Beni Culturali per far luce sulla vicenda. Il progetto prevedrebbe una serie di opere come un parcheggio interrato (per 260 tra auto e moto), una piscina, l’ampliamento della banchina centrale, costruzione di locali e uffici, un lungo camminamento in cemento. Siamo a Massa Lubrense, in costiera sorrentina, una delle zone più belle del sud e dell’Italia. Soprintendenza Archeologica di Pompei, Regione Campania e Autorità di bacino hanno espresso pareri negativi sulla proposta. Anche i cittadini rappresentati dalla Proloco, il Comitato in Difesa di Marina della Lobra e diverse associazioni hanno mostrato preoccupazione. Dato non da poco: manca la Valutazione di impatto ambientale. Attualmente la questione è al vaglio della Giustizia Amministrativa: si attende una pronuncia del Consiglio di Stato per il 21 gennaio. Se gli interventi previsti sono infatti illegittimi, pericolosi e incompatibili con le esigenze di tutela paesaggistica e ambientale, vanno ripensati».