Negli USA fa furore la mozzarella Sorrento. Ecco i video

0

I video sotto. Negli Stati Uniti d’America, appena è stata messa sul mercato, ha riscosso immediatamente un grande successo. D’altronde era abbastanza chiaro già dall’inizio: produrre mozzarella e ricotta al di là dell’oceano abbinando tutto a un marchio famoso nel mondo del calibro di Galbani e per di più con un nome accattivante di una culla della cucina d’élite come Sorrento stampato in bella vista sulle confezioni, rende la scelta commerciale azzeccata. Così il colosso nel comparto alimentare, leader per la vendita dei formaggi, continua la sua «mission» aziendale. E’ dallo scorso mese di settembre che, in America, gli amanti della cucina italiana possono togliersi lo sfizio di assaporare mozzarella e ricotta chiamata Sorrento. Una campagna pubblicitaria imponente, a sostegno dell’iniziativa, che ovviamente ha pure valicato i confini del web. Su youtube, il sito internet più famoso del mondo, lì dove con un semplice click è possibile visualizzare qualsiasi tipo di video, sono online da qualche settimana gli spot mandati in onda sulle emittenti statunitensi e commissionati direttamente dall’azienda. E proprio il nome di Sorrento spunta in bella vista sulle confezioni di mozzarella e ricotta. La storia, sia chiaro, parte da molto lontano. Ovvero dal 1947 quando Louis Russo, immigrato in America di origini sorrentine, a Buffalo, nello Stato di New York, decide di aprire una piccola ditta, la «Sorrento cheese company». Passo dopo passo, l’azienda cresce. E diventa una realtà importante nel panorama a stelle e strisce tanto da essere acquisita dal gruppo francese Lactalis, nel 1992. Non cambiano gli obiettivi commerciali. Continua così a gonfie vele la produzione di mozzarella, ricotta, provolone e altri formaggi italiani con l’apertura di altre sedi della società situate in California, Idaho e New York. La vendita è prevalentemente destinata a operatori del settore, ristoranti e altre piccole aziende alimentari. La svolta, però, arriva lo scorso mese di settembre quando viene annunciato che la Sorrento Lactalis entra a far parte della grande «famiglia» Galbani. La società ha 600 dipendenti con vendite record di 170 milioni di dollari all’anno. La fumata bianca con Galbani è resa noto in pompa magna con un comunicato stampa pubblicato sul sito web sorrentocheese.com. «Siamo orgogliosi di annunciare un cambiamento eccitante per il marchio di formaggi Sorrento. Presto saremo “conosciuti” come Galbani. Galbani, famosa marca di formaggio in Italia, fa parte della stessa famiglia di formaggi della “Sorrento” (la società “Sorrento cheese”, ndr) ed è conosciuta in tutto il mondo per la lavorazione dei formaggi della tradizione italiana». Poi giunge tempestiva la rassicurazione per i clienti americani: «Così, quando vedrete il nome Galbani, saprete di poter contare sugli stessi formaggi autentici che avete avuto modo di conoscere e amare da Sorrento». (Salvatore Dare – Metropolis)