Sorrento due quintali di alimenti scaduti sequestrati

0

Sorrento. Il titolare di un supermercato che vendeva cibi scaduti e deteriorati alla clientela ed i proprietari di un caseificio che trasportavano il pane in pessime condizioni igieniche sono stati denunciati alla procura della Repubblica di Torre Annunziata. Nel corso di un’operazione per la sicurezza alimentare condotta nell’area della costiera i carabinieri dalla compagnia di Sorrento, coadiuvati da personale del servizio veterinario dell’Asl Napoli 3-Sud, hanno deferito tre persone e sequestrato quasi due quintali di prodotti destinati alla vendita al dettaglio tra carni, insaccati, verdure, latticini, pasta e pane.
A Piano di Sorrento, in particolare, un uomo di 31 anni del posto è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Nei frigoriferi e all’interno dei congelatori del supermercato del quale risulta essere il legale rappresentante sono stati ritrovati 80 chilogrammi di carni ed insaccati di vario genere in evidente cattivo stato di conservazione. Anche la verdura posta in vendita non era in perfette condizioni dal punto di vista igienico-sanitario. Circa 10 chilogrammi di ortaggi, infatti, sono risultati in cattivo stato di conservazione, presumibilmente a causa del loro ripetuto congelamento e scongelamento. Nello stesso esercizio commerciale sono stati anche rinvenuti 90 chilogrammi di generi alimentari tra carni ed insaccati vari (18 Kg), latticini (50 Kg), pasta (10 Kg) formaggi (11 Kg) ed altro, tutti privi delle indicazioni obbligatorie inerenti la tracciabilità e, in gran parte, scaduti di validità.
Per quanto riguarda il possesso degli alimenti in cattivo stato di conservazione il 31enne titolare del supermercato è stato denunciato in stato di libertà, mentre, invece, per i prodotti privi delle indicazioni per la tracciabilità si è visto comminare una sanzione amministrativa pari a 5mila euro. Tutti i generi alimentari sono stati posti sotto sequestro ed avviati alla distruzione affidandoli ad una ditta specializzata.
A Sorrento, invece, sono state denunciate due persone. Si tratta di un uomo di 72 anni e di un altro di 45, entrambi del posto, i quali figurano come i proprietari di un’azienda di trasformazione del settore lattiero-caseario. In questo caso i militari dell’Arma ed il personale dell’Asl hanno scoperto che all’interno di un furgone della ditta venivano trasportati 8 chilogrammi di pane che risultava non regolarmente imbustato e sistemato all’interno di contenitori non idonei. Anche in questo caso si è proceduto alla distruzione dei prodotti da forno attraverso un’azienda specializzata.
L’operazione condotta l’altro giorno dai carabinieri e dal personale del servizio veterinario dell’Asl si inserisce nell’ambito dei controlli che periodicamente vendono effettuati negli esercizi commerciali dell’area della penisola sorrentina e lungo le strade. Attività che mirano alla repressione delle frodi ed a garantire la sicurezza alimentare dei consumatori. Ciò si sviluppa attraverso la verifica dello stato di conservazione dei prodotti e la presenza dell’etichettatura necessaria a stabilirne la tracciabilità. Ispezioni che, quando vengono effettuate lungo le strade, comportano anche accertamenti in merito all’idoneità ed alle perfette condizioni igieniche dei mezzi di trasporto e dei contenitori nei quali vengono stipati i cibi e gli alimenti.

 Fonte Il Mattino  Massimiliano d’ Esposito