Scala ricorda lo sbarco degli alleati

0

Le manifestazioni di “Natale insieme a Scala” – me ne dà notizia  un comunicato firmato dall’amico Ricciotti Mansi – vedono l’Associazione Pro Loco Scala-Costa d’Amalfi impegnata ancora con il programma “Memoria” per l’ultimo appuntamento di quest’anno, fissato per giorno 20 dicembre, alle ore 18.30, nella chiesa di San Pietro in Campoleone, per rievocare i settant’anni dallo sbarco alleato a Maiori, avvenuto nella notte tra l’8 e il 9 settembre 1943.
Scrive Ricciotti: Nelle mura di quel tempietto di San Pietro, che ci riporta al Beato Gerardo Sasso ed ai fasti della nobile famiglia Trara, vogliamo raccogliere il racconto dei superstiti, che con straordinaria lucidità ci consegnano fatti ed avvenimenti che hanno vissuto da protagonisti e che i testi di storia giammai potranno scrivere. Su un particolare tutti concordano: quella tragica notte il cielo si illuminò come i fuochi di San Lorenzo o di San Pantaleone e la mattina si scoprì che il mare aveva cambiato colore. Era divenuto nero per la sconfinata presenza di navi e mezzi anfibi. Sigismondo Nastri