Sapone antibatterico potrebbe comportare rischi per la salute.

0

Sapone antibatterico potrebbe comportare rischi per la salute. Lo dice la FDA È in studio una proposta da parte della Food and Drug Administration, l’Agenzia americana che si occupa della vigilanza sui farmaci che obbligherà i produttori a dimostrare che i detergenti antibatterici sono sicuri L’ente americano afferma che non c’è alcuna prova che le sostanze chimiche antibatteriche usate nei saponi liquidi e lavaggi aiutino a prevenire la diffusione di germi, e vi è qualche evidenza che potrebbero comportare rischi per la salute. L’agenzia ha detto che sta rivisitando la sicurezza delle sostanze chimiche come il triclosan alla luce dei recenti studi che suggeriscono che possono interferire con i livelli ormonali e stimolare la crescita di batteri resistenti ai farmaci. La profanazione del governo degli Stati Uniti conferisce così nuova credibilità agli avvisi di lunga data dei ricercatori che anche nel recente passato hanno sostenuto che le sostanze chimiche sono, nella migliore delle ipotesi, inefficaci e nel peggiore dei casi, una minaccia per la salute pubblica. La FDA ha testualmente affermato che non esiste attualmente alcuna prova che i saponi antibatterici sono più efficaci nel prevenire le malattie rispetto al lavaggio con acqua e sapone semplice. A seguito della sua proposta di legge comunicata ieri lunedì 16 dicembre, l’agenzia richiederà ai produttori di dimostrare che i loro saponi antibatterici e per lavare il corpo siano sicuri e più efficaci di acqua e sapone semplice. Se le aziende non possono dimostrare la sicurezza e l’efficacia dei loro prodotti, dovrebbero essere riformulate, rinominate o forse addirittura tolti dal mercato. “A causa di una vasta esposizione dei consumatori agli ingredienti nei saponi antibatterici, crediamo che ci dovrebbe essere un vantaggio chiaramente dimostrato dall’uso di sapone antibatterico per bilanciare ogni rischio potenziale”, ha affermato Janet Woodcock, direttore del centro sui farmaci della FDA. La proposta dell’agenzia arriva a più di 40 anni dopo che l’agenzia è statoa incaricata di valutare il triclosan e ingredienti simili. In definitiva, il governo ha accettato di pubblicare le sue conclusioni solo dopo una battaglia legale di tre anni con il gruppo ambientalista, Natural Resources Defense Council, che ha accusato la FDA di ritardare l’azione sul triclosan. La sostanza chimica si trova in circa il 75 % dei saponi liquidi antibatterici e per il lavaggio del corpo venduti negli Stati Uniti. La regola preliminare della FDA si applica solo ai prodotti per l’igiene personale, ma l’industria degli Stati Uniti che comprende migliaia di prodotti antibatterici, compresi i coltelli da cucina, giocattoli, e dentifricio, ha implicazioni per 1 miliardo di dollari. La maggior parte della ricerca che riguarda la sicurezza del triclosan coinvolge studi su animali, che non possono sempre essere applicati agli esseri umani. Ma alcuni scienziati temono che la chimica possa interferire con gli ormoni negli esseri umani, aumentando il rischio di infertilità, pubertà precoce e di altri problemi di sviluppo. Altri esperti sono preoccupati che l’uso di routine di sostanze chimiche antibatteriche come il triclosan sta contribuendo a un aumento di germi resistenti alla droga, o superbatteri, che rendono inefficaci gli antibiotici. Nel marzo 2010, l’Unione europea ha vietato la sostanza chimica da tutti i prodotti che vengono a contatto con gli alimenti, come i contenitori e posate. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è un fatto eclatante che dovrebbe essere preso in considerazione anche dalle autorità europee che dovrebbero sfatare ogni benché minimo dubbio circa la pericolosità di tali prodotti chimici a partire dal triclosan.