Ravello Fairy Tales. Fiabe raccontate fra immagini, musica e danza

0

Ravello, 14 dicembre ore 18.30 Auditorium Oscar Niemeyer (ingresso libero) Lo spettacolo è un atto unico in cui le fiabe vengono recitate insieme alla danza, alle immagini ed alla musica dal vivo, il tutto interpretato dai ragazzi di Minori, Agerola, Scala e Ravello. I protagonisti dell’evento sono ragazzi che dedicano la maggior parte del loro tempo allo studio. Quelli che finiti i compiti della scuola si dedicano alla musica, danza, recitazione, per completare la loro formazione culturale e artistica, quelli che si rendono conto che un’attenta programmazione della formazione è la formula corretta per inseguire un sogno, sviluppare il proprio talento e coltivare le proprie passioni. Un evento che vede protagonisti ragazzi di diverse comunità in una rappresentazione di Performing Arts (più discipline artistiche eseguita in un’unica rappresentazione scenica) crea occasioni di confronto, motivi di aggregazione, insegna il rispetto delle regole, crea le condizioni per far sentire i giovani tutti uguali tra loro nella loro diversità, tutti importanti allo stesso modo. Dato che il 15 dicembre si svolgeranno i funerali di Nelson Mandela, uno dei più grandi protagonisti positivi della storia moderna, prima dell’inizio dell’evento i ragazzi reciteranno una poesia composta dal britannico William Ernest henley, “L’invictus”, ovvero “non vinto”. Composta dal britannico William Ernest Henley, la poesia Invictus è indissolubilmente legata alla prigionia di Mandela, che trovò in quei versi la forza per resistere alla prigionia ‘Invictus’, ovvero ‘non vinto’. E’ questa la forza che Nelson Mandela ha tratto da questi versi, per sua stessa ammissione fonte di sostegno nei 26 anni di prigionia. E’ la consapevolezza di essere ‘invitto’, mai sconfitto. Arrestato per tradimento, il futuro premio Nobel in prigione legge e studia, impara a padroneggiare la lingua afrikaner e fa sue queste parole,,,, L’invincibile. Marco Rossetto