peninsulart prolungata la mostra nella chiesa della pietà a Sorrento video

0

 PENINSULART il sodalizio, ideato da Marcello Aversa insieme ad un gruppo di ventisei soci fondatori, raggruppa artigiani locali animati da un unico intento: tramandare ai giovani le tradizioni della nostra costiera, educandoli all’arte ed all’artigianato attraverso una serie di iniziative didattico-educative ed eventi culturali. Peninsulart intende radicarsi in un territorio così ricco di testimonianze storiche ed artistiche, quale la penisola sorrentina, nella certezza che l’incontro diretto con un‘opera e con l’autore di quest’ultima sia fondamentale per la crescita della persona. La sede scelta per questa prima esposizione è stata la CHIESA DELLA PIETA’ a Sorrento, un vero e proprio regalo ai cittadini che non la vedevano aperta da anni. L’università delle tre età ha goduto di questo momento di fruizione offerto dall’apertura della chiesa e dalle opere degli artigiani esposti, con un folto gruppo, invocando a gran voce il restauro e la riapertura al pubblico, con desidrio di contribuire e partecipare.Sorrento – Dopo la risposta più che positiva riscontrata alla presentazione che si è tenuta venerdì scorso nel teatro Sant’Antonino, l’associazione ha deciso di prolungare la mostra sugli antichi mestieri, ospitata nella chiesa Santa Maria della Pietà, fino a domani. Più di duemilacinquecento, infatti, sono stati i visitatori, che oltre alle opere esposte hanno potuto ammirare , l’incantevole chiesa rimasta chiusa per circa trent’anni. Questa mattina, alcuni artigiani dell’associazione hanno incontrato gli alunni della scuola Santa Maria della Pietà, coinvolgendoli in attività manuali che hanno dato vita a opere in svariati materiali. Anche domani i maestri artigiani metteranno a disposizione di tutte le altre scuole primarie del territorio, la loro maestria affinchè le nuove generazioni possano conoscere e custodire memorie e mestieri simbolo e vocazione della penisola sorrentina. Ma questo è solo l’inizio, infatti, in linea con quello che è il fine di Peninsulart, è già in programma la seconda edizione di “L’arte del domani, artigiani e piccole mani”. Nella prima edizione protagonista fu la scuola Gemelli di Sant’Agnello, e parteciparono circa duecento bambini provenienti dalle scuole di tutta la penisola. “Due mani che si incontrano, questa l’immagine simbolo della nostra associazione, e credo che sia veramente questa la sintesi perfetta del nostro obiettivo – sottolinea il presidente di Peninsulart Marcello Aversa – mani rugose, segnate dagli anni e dalla fatica del lavoro che passano il testimone a mani giovani e forti.”