NAPOLI CROLLA SOTTO LA PIOGGIA AL SAN PAOLO CON IL PARMA GOL DI CASSANO VIDEO

0

Arriva inaspettata la seconda sconfitta consecutiva per il Napoli , la prima in casa al San Paolo, con il Parma con un gol di Cassano. Stavolta non è valso il motto “sin prisa, sin pausa”. La “pausa” è arrivata, amarissima, per il Napoli di Rafa Benitez, che dopo la sonora sconfitta contro la Juve a Torino si arrende anche al Parma al San Paolo, “infilato” da Cassano in contropiede. Per gli azzurri, protagonisti in negativo di una prestazione opaca sotto la pioggia, adesso la lotta scudetto si fa durissima. Così come durissima appare la sfida di martedì a Dortmund in Champions.

Contro gli emiliani, Benitez decide di applicare un leggero turnover e in attacco dà fiducia a Pandev, mentre Hamsik riposa. Partita equilibrata in avvio; spazi larghi da una parte e da un’altra e difese attente. Pressing alto dei gialloblu in maglia scura, il Napoli si affida alle iniziative individuali di Higuain e Callejon. Parma pericoloso al 12′: Sansone lasciato solo in area; Armero ci mette una pezza. Gli azzurri cercano il contropiede, ma è ancora il Parma a rischiare di far male con Sansone.

I parmensi si ritrovano quasi sempre con un uomo in più a centrocampo: Sansone si divora un altro gol al 24′. Dopo qualche secondo, Insigne ci prova da lontano. Arioso il gioco azzurro, ma le finalizzazioni lasciano a desiderare. Nuova grande occasione per Higuain al 29′, sul capovolgimento di fronte spreca Biabiany. Sembra una partita di ping-pong, ritmi intensi: Callejon spreca un ghiotto contropiede azzurro, poi Reina salva su Parolo. Dopo un minuto di recupero, termina il primo tempo.

Nella ripresa, sotto la pioggia, il Napoli prova a fare possesso palla. Al 3′ Cassano semina il panico in area partenopea; Britos salva in angolo, poi ci prova Felipe. Insigne ha una buona occasione un minuto dopo su punizione, ma il tiro è debole e non impensierisce Mirante. Il Napoli avanza il baricentro, ma il Parma è molto ben organizzato e riparte con scioltezza.

Tuoni e lampi sul San Paolo, ma non sul rettangolo verde: il match appare bloccato. Poca inventiva lì davanti e le folate offensive sono puntualmente bloccate. Anche per questo, al 23′ Benitez gioca la carta Hamsik: fuori un deludente Pandev. Ed è proprio lo slovacco che impegna Mirante al 25′; sussulto al 27′ per Higuain che insacca di testa, ma è in fuorigioco. Al 31′ Hamsik prende una botta ed è costretto a uscire dolorante – ce la farà col Borussia? – entra Mertens.

Pochi minuti dopo, però, il Parma va in vantaggio con un contropiede perfetto di Cassano che in percussione insacca alle spalle di Reina: 0-1 per gli ospiti e San Paolo ammutolito. Benitez tenta il tutto per tutto con Duvan Zapata, Donadoni si copre con Paletta. Mertens potrebbe pareggiare poco dopo su punizione, ma colpisce l’incrocio dei pali. Il Napoli si getta in avanti ma non concretizza. Arriva così la prima sconfitta in casa per Rafa Benitez. E la “vendetta” degli ex Donadoni e Gargano è consumata.
 

Agger del Liverpool al Napoli gia’ a gennaio.Ecco le cifre

Zola, Crippa, Fabio e Paolo Cannavaro, Bia, Agostini, Pizzi, Rincon, Pecchia, Goretti, Mora: una sfilza di ex tra Napoli e Parma che nel corso degli ultimi 20 anni si sono spesso scambiati calciatori. Gli ultimi: Santacroce e Gargano. Anche Donadoni è un ex.

 Miki De lucia per Positanonews

  Walter Gargano non saro’mai un nemico del Napoli,pero’ nel mio cuore adesso c’è solo il Parma,cinque anni al Napoli non si possono dimenticare.HGargano ha sposato la sorella di hamsik e i suoi due figli sono nati a Napoli.Stasera incontrera’ per la prima volta il Napoli al San Paolo.L’anno scorso con la maglia dell’inter affronto’ il Napoli a San Siro,ma salto’ la gara di ritorno per infortunio.L’arrivo di Mazzarri all’Inter gli ha fatto cambiare aria e Donadoni che l’aveva conosciuto quando era allenatore a Napoli l’ha chiamato al Parma.199 presenze in serie A con il Napoli, 4 gol. El Mota (il pezzetto, come viene chiamato per la sua mole non proprio imponente) ha liquidato cinque stagioni in maniera troppo brusca: «Gli anni a Napoli sono stati belli. Ma ora sono nel club più importante del mondo, quello che ho sognato fin da bambino». Ecco, ai tifosi del Napoli quella frase pronunciata ad Appiano Gentile poche ora l’approdo a Milano non sono mai state digerite. Il cuore del tifo azzurro domani si dividerà: da un lato chi non riuscirà a dimenticare la sua grinta, il suo cuore, quello spirito battagliero da rubapalloni; dall’altro chi non manderà giù quelle frasi d’amore per l’Inter.

Walter Gargano aspetta il Napoli al San Paolo armati del suo ghigno peggiore. È tornato dall’Uruguay soltanto ieri dopo aver fatto festa con Cavani e gli altri della sua nazionale: andrà ai Mondiali in Brasile anche se il maestro Tabarez non lo ha fatto giocare neppure contro la Giordania nonostante il 5-0 rassicurante dell’andata. «Speriamo che abbia fatto festa fino a tardi e ora sia stanco», si è augurato ieri il rivale-cognato Hamsik. Comunque vada, domani sera la famiglia si riunirà a Castelvolturno. 

«È ovvio che provo dei sentimenti: di Napoli ho ricordi splendidi, è stata un’ esperienza che mi ha cambiato la vita. Però non dovrò dimostrare nulla: mi conoscono, sanno che ho sempre dato tutto», ha spiegato parlando della sfida con il Napoli e di Napoli. La squadra azzurra, in fondo, è stata tutto per lui: sul piano professionale, nel 2007 ha cominciato la sua carriera internazionale in azzurro ed è qui che è diventato un calciatore completo. Sul piano umano, a Napoli ha conosciuto la moglie, Michaela, la sorella di Marek Hamsik che per lui è più di un amico, è un fratello. Con lei iniziò quasi per scherzo, da una foto casuale che Walter fece con Michaela in ritiro. Per un anno non accadde nulla. Ma Marek lo prendeva sempre in giro: «Ti piacerebbe conoscere mia sorella, eh?», diceva, e alla fine i due si sono conisciuti. E sono nati due figli napoletani. Il ricordo più bello è la vittoria in Coppa Italia: la finale vinta contro la Juve. Stasera è dall’altra parte della barricata. Ma mai nemico

.fonte:ilmattino

 

Calcio Napoli

Agger del Liverpool al Napoli gia’ a gennaio.Ecco le cifre

E-mailStampaPDF
Il Napoli pronto a portare all’ombra del vesuvio Daniel Agger del Liverpool gia’ a gennaio.La proposta del Napoli al fortissimo centrale è di un contratto di quattro anni e 4,2 milioni netti l’anno.Il calciatpore è ben lieto di trasferirsi alla corte di Benitez.Nel caso dovesse saltare il trasferimento di Agger il Napoli virera’ su Ezequiel Garay 27 anni difensore del Benfica e della…


Reveillere al Consolato francese alla festa del Beaujolais nouveau

E-mailStampaPDF
Reveillere il difensore del Napoli ieri ha partecipato al Consolato francese in via Crispi alla festa del Beaujolais nouveau che si è “incontrato” con il Novello della Cantina del Taburno. Un incontro con assaggi di squisiti formaggi francesi, gustose mozzarelline napoletane, come il salame e il prosciutto.
Il calciatore del Napoli è stato ricevuto dal console Christian Timonier, che…

Leggi tutto…

Quanti ex tra Napoli e Parma.Gargano non saro’ mai un nemico del Napoli

E-mailStampaPDF
Zola, Crippa, Fabio e Paolo Cannavaro, Bia, Agostini, Pizzi, Rincon, Pecchia, Goretti, Mora: una sfilza di ex tra Napoli e Parma che nel corso degli ultimi 20 anni si sono spesso scambiati calciatori. Gli ultimi: Santacroce e Gargano. Anche Donadoni è un ex.

Miki De lucia per Positanonews

Walter Gargano non saro’mai un nemico del Napoli,pero’ nel mio cuore adesso c’è solo il Parma,cinque…

Leggi tutto…

Il Napoli al San Paolo in gol da 14 turni consecutivi

E-mailStampaPDF

 

Il Napoli segna da 14 partite interne consecutive dopo lo 0-0 con la Samp del 17 febbraio. In seguito 12 partite di serie A e 2 di Champions con 12 vittorie e 2 pareggi e con 33 gol segnati e 12 subiti. L’ultima vittoria interna è stata il 2-1 europeo contro il Marsiglia il 6 novembre.

Napoli – Parma.Ritorna il protagonista di Pechino .Sara’ fischiatissimo al San Paolo

E-mailStampaPDF
Dopo sedici mesi ritorna lui, si proprio lui l’eroe di Pechino, Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo sara’ lui a dirigere Napoli-Parma.(Era l’11 agosto del 2012  Juventus -Napoli finale di Supercoppa italiana, fu il protagonista della ‘maldestra’ direzione arbitrale espulse due giocatori azzurri e poi l’allenatore Mazzarri,concesso un rigore dubbio alla Juve e negato un penalty al…

Leggi tutto…

Primavera Napoli – Juve Stabia 2-1

E-mailStampaPDF
Gli azzurrini nella nona giornata di campionato. Gol di Tutino e Bariti

La Primavera del Napoli ha battuto la Juve Stabia per 2-1 nella nona giornata di campionato sul campo di Sant’Antimo. Un derby giocato sotto la pioggia e che ha avuto grande intensità tecnica ed agonistica.

L’avvio è bruciante, a dispetto del clima rigido. La Juve Stabia segna dopo un minuto su rigore con Gargiulo. Ma…

Leggi tutto…

Commissione disciplinare Uefa solo 55mila euro di multa per il Napoli.

E-mailStampaPDF
Tifosi del NapoliL’Uefa ha inflitto una maxi multa di 55.000 euro per il comportamento dei tifosi in occasione delle gare contro il Marsiglia del 22 ottobre in Francia ed al San Paolo il 6 novembre

Miki De lucia per Positanonews

Il Napoli aspettava con ansia la sentenza, ed è arrivata quella prevista: niente porte chiuse per la gara con l’Arsenal e maxi-multa di 55 mila euro. La Commissione disciplinare…

Leggi tutto…

Mazzoleni per Napoli-Parma.Reveillere non parte titolare

E-mailStampaPDF
Arbitrera’ Napoli-Parma l’arbitro Mazzoleni di Bergamo. Era l’11 agosto del 2012 sotto la pioggia nella famosa  Juventus -Napoli di Supercoppa italiana, fu il protagonista della ‘maldestra’ direzione arbitrale espulse due giocatori azzurri e poi l’allenatore Mazzarri,concesso un rigore dubbio alla Juve e negato un penalty al Napoli.Dopo sedici mesi torna ad arbitrare il Napoli nelle gara…