Sorrento, gestione oculata dei soldi pubblici , interviene l’Associazione Caponnetto.

0

inserito da Salvatore Caccaviello

Quando la crisi socio-economica di una Nazione raggiunge punte cosi elevate, il popolo non è più disposto a tollerare che gli amministratori pubblici facciano cattivo uso dei soldi dei cittadini utilizzandoli per acquisto di beni che andrebbero pagati di tasca propria, come ad esempio le spese per acquisto di caffè, acqua minerale, ricariche telefoniche ed altro.

Sorrento – Negli ultimi tempi molti sono stati i cittadini sorrentini che venuti a conoscenza di spese “extra” sostenute dall’amministrazione ed approvate finanche con Determinazione Dirigenziale n. 1118 del 30.10.2013, non hanno esitato ad interpellare il Responsabile dell’Associazione Nazionale Antonino Caponnetto – Circolo Giovanni Antonetti di Sorrento ai rapporti con il Comune di Sorrento, Enrico Aprea. Il quale  ha dato piena disponibilità affinché l’Associazione si interessi di tale situazione e si ponga fine a certe inspiegabili spese sostenute dall’Ente Comunale che sono indicate nel rendiconto del fondo cassa economato del 3° Trimestre 2013. Infatti, risultano approvate spese per acquisto dalla Ditta T.M.C. di Sorrento di cialde per la preparazione di  caffè, nonché spese effettuate presso il Bar Vittoria di Sorrento, spese per omaggi floreali e addirittura spese  telefoniche effettuate presso la ditta Stinga Giuseppe di Sorrento che potrebbe trattarsi proprio del Vice Sindaco, nonché Assessore al Comune di Sorrento nel qual caso si  potrebbe anche  ravvisata una probabile certa incompatibilità. –  Enrico Aprea ha inoltre dichiarato: “ Non pochi solleciti ho personalmente ricevuto dai cittadini affinché denunciassi alle Autorità competenti,  in qualità di Responsabile dell’Associazione Caponnetto Circolo  Giovanni  Antonetti di Sorrento, tali  eventuali sprechi. Trattasi addirittura di soldi pubblici spesi  per l’acquisto di cialde per la preparazione di caffè che avviene  all’ all’interno degli uffici comunali, distogliendo dal proprio lavoro  il dipendente o i dipendenti che si dedicano alla preparazione del caffè da offrire a colleghi, amici o comunque a persone presenti nei locali comunali anche se trattasi di ospiti illustri. Ancora più insistenti diventano le loro richieste di intervento dell’Associazione  nel riscontrare che ulteriore spese risultano effettuate presso il bar Vittoria di Sorrento anch’esse pagate con soldi pubblici o quelle fatte per acquisto di caffè ed acqua per un importo di € 300,00, per la Segreteria del Sindaco come  spese di rappresentanza. – Da una prima verifica di quanto segnalato, ho riscontrato che dai giornali di cassa riferiti al 2° e 3° trimestre 2013  risultano effettuate spese che potrebbero non rientrare in quelle così dette “ istituzionali “. – Ancora più incomprensibile e certamente non conforme alle norme sulla trasparenza degli atti, risultano le spese indicate nel prospetto del rendiconto fondo cassa economale del 1° trimestre 2013. Infatti non risultano pubblicati né l’estratto conto né il giornale di cassa da cui si possono dedurre le spese analitiche sostenute nel trimestre ma  risulta indicata la spesa complessiva riferita agli specifici capitoli per l’importo complessivo di € 6.004,01. – Anche per quanto riguarda le spese di economato sostenute nei trimestri degli anni 2011 e 2012, non risulta alcuna pubblicazione analitica delle spese sostenute durante i predetti trimestri. – E’ ovvio che se confermate tali irregolarità, l’Associazione Antonino Caponnetto – Circolo Giovanni Antonetti di Sorrento, non esiterà ad informare la Procura della Corte dei Conti competente ed ogni altra Autorità preposta al fine di assicurare il rispetto della legalità e della trasparenza degli atti della Pubblica Amministrazione”. 15 novembre 2013