Reinforced Concrete / Marco Abbamondi _ Stefano Ciannella

0

BE CONCRETE – BEING CONCRETE Curatore: Guido Cabib 15 novembre > 13 dicembre 2013 The Format Contemporary Culture Gallery Via Giovanni Enrico Pestalozzi 10, Interno 32, 20134 Milano orari di apertura Dal martedì al venerdì, dalle 15 alle 20 mezzi pubblici tram 2,47,74,365, MM1 Porta Genova ____________________ Icona identitaria di Marco Abbamondi, le paste cementizie; quella di Stefano Ciannella, il ferro. La materia di un incontro ispira la volontà di esplorare idealmente e nei fatti, la natura di un fenomeno complesso: cemento armato . È la configurazione semantica del corrispondente inglese ad avviare un processo di elaborazione che rimanda al fare e all’essere: reinforced concrete ovvero una concretezza robusta, rinvigorita dall’azione attraverso cui i due elementi sono uniti tra loro. Gli artisti sono attratti dalla solidità e compattezza di cose forzatamente messe insieme, cose che combinate tentano di funzionare e marciare nella direzione contraria a quella del tempo, aspirando all’eternità, alla grandezza, alla storia (entro documentati limiti). La complessità, che evoca la parola e che definisce il materiale, ammicca infatti al fenomeno generativo (ovvero la composizione/unione di elementi) e diventa, teorema, fatto da cui trarre ispirazione. Cose, persone, altre identità sono cemento armato. Un composto che usiamo come metafora dell’uomo, individuo complesso, prodotto di diversi elementi, combinati tra loro dall’azione del pensiero, dell’essere e del fare; che contribuiscono alla sua formazione e col tempo, alla creazione di quelle crepe in superficie, che diventano poi ferite e morte. Vogliamo lanciare un messaggio: CONCRETE , che sta per being concrete . Siamo alla ricerca di un fare che genera frutti a lungo termine, efficaci e durevoli. Il cemento è qui rappresentato nella sua essenza e funzione oggettiva ovvero forma, che occupa spazio sottratto alla natura; per questo motivo le installazioni in mostra sono accompagnate e segnalate dal volume della superficie che occupano.