Minori e le Luci di Natale

0

Il Comune di Minori, su invito del sindaco Reale, sollecita gli esercenti commerciali a sponsorizzare la man ifestazione “Luci di Natale” che ogni anno, con alterne fortune, viene organizzata nel centro costiero amalfitano. Queste Luci di Natale minoresi dovrebbero avere una correlazione con le Luci di artista di Salerno, cui per certi versi si ispirano. La manifestazione minorese è però, a differenza della più blasonata salernitana, animata , perchè comprende lungo il suo iter di effettuazione la Festa patronale suggestiva e particolare della sera del 27 di novembre; il presepe vivente organizzato a cura di una associazione che provvede anche a tombolate e giochi vari; l’allestimento di artistici e tradizionali presepi sia per alcune vie del paesino e sia nelle tante chiese che restano aperte per l’occasione. Comprende ancora, oltre la Notte di Natale, lo spettacolo all’aperto dell’ultimo dell’anno, le sfilate dell’Epifania ed altro come le suonate degli zampognari a cura di un gruppo locale formato per lo più da maestri concertisti diplomati al Conservatorio.

La certezza dell’organizzazione favorisce la propaganda che buona parte delle strutture ricettive ( a proprie spese ) effettua per sollecitare il soggiorno in quel periodo e che trova corrispondenza nel rapportio con i tour operators interessati ( e le strutture abusive, tante, minoresi trovano enorme vantaggio senza spesa).

Una più efficace , però, disciplina dei giorni o dei periodi di chiusura di alcune aziende della ristorazione avrebbe un risultato soddisfacente ( si pensi allo scorso inverno: per un buon perido, diversi turisti hanno dovuto consumare cena alla vicina Maiori).PER IL RESTO TUTTO o.k, O FORSE! g.a.Il Comune di Minori, su invito del sindaco Reale, sollecita gli esercenti commerciali a sponsorizzare la man ifestazione “Luci di Natale” che ogni anno, con alterne fortune, viene organizzata nel centro costiero amalfitano. Queste Luci di Natale minoresi dovrebbero avere una correlazione con le Luci di artista di Salerno, cui per certi versi si ispirano. La manifestazione minorese è però, a differenza della più blasonata salernitana, animata , perchè comprende lungo il suo iter di effettuazione la Festa patronale suggestiva e particolare della sera del 27 di novembre; il presepe vivente organizzato a cura di una associazione che provvede anche a tombolate e giochi vari; l’allestimento di artistici e tradizionali presepi sia per alcune vie del paesino e sia nelle tante chiese che restano aperte per l’occasione. Comprende ancora, oltre la Notte di Natale, lo spettacolo all’aperto dell’ultimo dell’anno, le sfilate dell’Epifania ed altro come le suonate degli zampognari a cura di un gruppo locale formato per lo più da maestri concertisti diplomati al Conservatorio.

La certezza dell’organizzazione favorisce la propaganda che buona parte delle strutture ricettive ( a proprie spese ) effettua per sollecitare il soggiorno in quel periodo e che trova corrispondenza nel rapportio con i tour operators interessati ( e le strutture abusive, tante, minoresi trovano enorme vantaggio senza spesa).

Una più efficace , però, disciplina dei giorni o dei periodi di chiusura di alcune aziende della ristorazione avrebbe un risultato soddisfacente ( si pensi allo scorso inverno: per un buon perido, diversi turisti hanno dovuto consumare cena alla vicina Maiori).PER IL RESTO TUTTO o.k, O FORSE! g.a.