L´AVELLINO ESPUGNA IL TOMBOLATO E SI GODE IL TERZO POSTO.LE PAGELLE

0

Andrey Galabinov, ancora lui riesce con una doppietta a portare l’Avellino al terzo posto,ma che sofferenza nel finale. I biancoverdi partono bene, si portano sul doppio vantaggio, ma nel finale soffrono più del dovuto. Una sofferenza che permette di gustare con più piacere il terzo posto in classifica.

Miki De lucia per Positanonews


Nell’undici iniziale dell’Avellino ci sono diverse novità. Inedito il tandem d’attacco, con Soncin a supporto di Galabinov. I due, però, cominciano a duettare bene e il loro avvio promettente coincide con l’inizio positivo di tutto l’Avellino. La squadra di Rastelli mette alle corde i padroni di casa, che però testano i riflessi di Seculin, al rientro in campo dopo un lungo periodo vista l’assenza di Terracciano, poco prima del quarto d’ora. Ci vuole un gran tuffo dell’ex portiere della Juve Stabia per smanacciare l’imperioso stacco di testa di Coralli. Meglio l’Avellino, che però è fortunato a non capitolare al 21’. 
Uno schema del Cittadella su punizione manda in bambola la retroguardia irpina. Seculin si salva come può su Gasparetto, poi sulla seconda battuta di Dumitru è provvidenziale Izzo. Dall’altra parte Di Gennaro deve ricorrere agli straordinari per deviare un destro violento di Zappacosta su punizione, mentre nulla può alla mezz’ora. Alborno al limite dell’area svirgola e regala palla a D’Angelo che in scivolata serve un ghiotto assist a Galabinov. Il bulgaro, da buon ariete, non sbaglia e porta in vantaggio i suoi. Che poi, fino al termine della prima frazione, non corrono alcun pericolo ed amministrano, senza troppi patemi, un vantaggio non proprio meritato. 
La ripresa comincia con l’allontanamento di Rastelli (2’, il tecnico entra in campo per sedare un accenno di rissa, in totale nove gli ammoniti) e l’occasionissima del 4’ fallita da Schiavon che, imbeccato da Soncin, anticipa di punta Di Gennaro ma non inquadra lo specchio. Ma soprattutto con un violento acquazzone, con tanto di tuoni e fulmini, che condiziona il gioco delle due squadre. Il lampo arriva anche in campo. È il filtrante di Schiavon per Galabinov che scatta sul filo del fuorigioco e con una saetta sotto la traversa batte per la seconda volta Di Gennaro. Il Cittadella non riesce a rientrare in partita e si affida alle giocate dei singoli. Come al 20’ quando Pecorini prende palla sulla destra, si accentra e calcia, ma il diagonale è fuori misura. Di Donato ci prova dalla distanza (tiro deviato in angolo), mentre Dumitru da buona posizione conclude a volo, ma sbaglia. Foscarini aumenta la mole offensiva dei suoi, Di Roberto prova a sorprendere Seculin dalla distanza, ma l’estremo difensore ospite è attento. Solo nel finale Coralli riapre la gara (2-1 al 45’), mettendo i brividi ad un Avellino che rischia per ben due volte nel recupero di farsi acciuffare da Perez. Ma la fortezza biancoverde non crolla ed ora sogna.

 

Domenica le porte dello stadio Partenio-Lombardi si apriranno in mattinata perché l’Avellino di Rastelli giocherà alle ore 12.30 con il Palermo, la squadra che è passata dall’ex campione del mondo Rino Gattuso a Beppe Iachini, risalendo in classifica. Curiosamente anche la Juve Stabia giocherà all’ora di pranzo, ma venerdì 1 novembre: la partita dei gialloblù aprirà il weekend della serie B. La Lega presieduta da Andrea Abodi, che sabato scorso ha assistito a Juve Stabia-Empoli, sta cercando di promuovere nel miglior modo possibile questo torneo.

 

 

                                               Le pagelle

6,5 Seculin
Rientrava a due mesi dall’ultima apparizione, all’esordio col Novara. Si fa trovare pronto in avvio su Coralli, scrollandosi di dosso la ruggine. Da lì in poi è un crescendo.

6,5Izzo
Ha un compito difficile con Coralli, ma è il più rognoso dei difensori dell’Avellino. Non disdegna le cattive maniere, sempre efficaci.

6Peccarisi
Infonde sicurezza ai propri compagni di reparto, ergendosi a vera e propria diga difensiva.

6Pisacane
Dalle sue parti non passa nulla. Disputa una gara di assoluta attenzione, senza rischiare nulla, neppure quel giallo che gli avrebbe fatto saltare il Palermo.

6,5Zappacosta
Nel primo tempo è un autentica furia sulla propria fascia. È l’uomo in più in fase offensiva dell’Avellino, mentre nella ripresa si limita, e bene, a difendere.

6,5D’Angelo
Solita prova di cuore del capitano, bravo in occasione del vantaggio, quando capisce che il disimpegno di Alborno non arriverà mai. Ci mette tanta grinta in mezzo al campo.

6Arini
È un regista atipico, perché non crea tantissimo ma si piazza davanti alla difesa, rendendosi utilissimo in entrambe le fasi. 

6,5Schiavon
L’assist del gol del raddoppio per Galabinov è la ciliegina sulla torta di una prestazione superlativa. Fa mangiare le mani ai suoi ex tifosi (sv Angiulli 44’ st).

6De Vito
Si gioca poco dalle sue parti, dato che l’Avellino sfonda sulla corsia opposta. Ha compiti di contenimento, che porta a termine con dedizione (6 Bittante 18’ st: Entra in una fase cruciale del match con la sua squadra intenzionata a conservare il doppio vantaggio. Si mette subito a disposizione dei compagni). 

7,5Galabinov
Non conosce mezze misure. Seconda doppietta di fila in campionato, non fa rimpiangere Castaldo e porta sempre più su l’Avellino. Tocca pochi palloni, ma quelli bastano per fare gol (sv Millesi 31’ st).

5,5 Soncin
L’uomo più in ombra fra gli irpini. Tanto lavoro per la squadra, ma resta lontano dall’area di rigore.

fonte:ilmattino

 

Calcio Napoli

Il riscatto di Fernandez

E-mailStampaPDF
Federico Fernandez stasera al Franchi dovra’ dimostrare ancora di piu’ il suo valore visto la grande fiducia che gli sta dando Benitez.Sembra un giocatore rinato,sicuro di se,ma soprattutto fiducioso nei propri mezzi,non ha piu’ paura e Albiol lo fa sentire molto tranquillo.Con Mazzarri Fede ha sempre avuto difficolta’ di adattamento e le pochissime volte che è sceso in campo non ha giocato…

Leggi tutto…

Fiorentina Napoli affidata al giovane Calvarese di Teramo

E-mailStampaPDF
Fiorentina – Napoli fischia Giampaolo Calvarese di Teramo . Con lui ci saranno gli assistenti arbitrali Giallatini e Dobosz, quarto uomo è Grilli mentre gli arbitri d’area sono Celi e Doveri. Calvarese, 37 anni, è ingegnere presso la provincia di Chieti. È al sesto anno alla Can. Dalla scorsa stagione è nell’organico degli arbitri di A. Quest’anno vanta 4 presenze, in totale sono 27 le…

Leggi tutto…

Mertens – faro’ grandi cose nel Napoli

E-mailStampaPDF
Vi ricordate le parole che disse in una trasmissione televisa Eziolino Capuano ex allenatore della Casertana nei confronti di Mertens?

Per me Mertens è un giocatore normalissimo nel Napoli non fara’ piu’ di otto partite da titolare avendolo conosciuto personalmente.Capuano ha guidato per un periodo breve la formazione belga dell’Eupen,ma ha preso un abbaglio su Mertens,ed ora sui social…

Leggi tutto…

Napoli Catania prezzi popolari

E-mailStampaPDF

 

Per Napoli Catania ritornano i prezzi popolari per ’anticipo di campionato di sabato 2 novembre contro il Catania dell’ex tecnico azzurro Gino De Canio, che guidò il Napoli nella stagione 2001-2002: Tribuna onore 80 euro, Tribuna Posillipo 60, Tribuna Nisida 30, Distinti 20, Tribuna Family 10, Curve 8. La partita è in programma alle ore 20.45.

Secondo il mattino prestazione imprecisa dell’arbitro De Marco in Napoli – Torino

E-mailStampaPDF
Arbitro De MarcoL’arbitro De Marco di Chiavari ha offerto una prestazione imprecisa. Le squadre sono impostate tatticamente al giro palla e al pressing, De Marco interviene solo all’occorrenza. Al 13’ Bellomo nella propria area sembra che agganci il piede di Mertens che poi cade. De Marco senza esitare concede il rigore. Il contatto c’è ma è difficile stabilire a velocità normale se è il belga a…

Leggi tutto…

Napoli – Torino i tifosi del San Paolo pace quasi fatta con Mazzoleni

E-mailStampaPDF
Ieri i tifosi del San Paolo in Napoli Torino fanno pace con l’arbitro Mazzoleni.Fu lui Pechino a penalizzare il Napoli di Mazzarri,i suoi grandi errori consegnarono la Supercoppa alla Juve.Due espulsioni inesistenti,la prima di Pandev e la seconda di Zuniga e un rigore dubbio portarono il Napoli alla sconfitta.Il Napoli in vantaggio per 2-1 si ritrovo’ sul 2-2 e poi in nove uomini al…

Leggi tutto…

Video il boato del San paolo al gol di Higuain

E-mailStampaPDF

 

 

Il Napoli vola al San Paolo contro il Toro.Doppio Higuain .Le foto

E-mailStampaPDF
Il Napoli batte il Torino per 2-0 dopo 18 anni grazie ad una doppietta di Gonzalo Higuain.Un bravo a Mertens che ancora oggi è stato il migliore in campo imprendibile, e quando al 75′ viene sostituito, il pubblico del San Paolo si alza in piedi per applaudirlo.Gli azzurri sono stati molto convincenti,mentre il Torino non è entrato quasi mai in partita,ha cercato con Cerci e D’Ambrosio di…