Istituto Nautico Nino Bixio lettera di ex alllievo . Nostra precisazione

0

Riceviamo e pubblichiamo a Piano di Sorrento in Penisola sorrrentina dopo la protesta degli studenti non entrati nella seconda ora per disposizione della Preside, se non autorizzati o accompagnati dai genitori:

L’Istituto Nautico Nino Bixio, eccellenza nazionale della marineria Italiana, si è sempre distinto per la qualità degli allievi, per i corsi di formazione e la democrazia regnata per anni. Da qualche anno sta venendo alla ribalta per i continui provvedimenti adottati dalla direttrice scolastica, tant’è che oserei dire: “perdete ogni speranza voi ch’entrate”, anarchia, dittatura, regolamenti scolastici ignorati, azioni disciplinari intraprese senza alcunchè, lasciando agli alunni solo la protesta di massa ed ai genitori il silenzio, onde evitare ritorsioni contro i propri filgi, e ai docenti, azioni legali nel rispetto dei propri diritti, che vanno a peggiorare il già precario bilancio della scuola. Se la famiglia è il primo luogo d’insegnamento, la scuola dovrebbe essere il secondo!!! Per carità siamo tutti umani, e tutti possiamo sbagliare, ma perseverare ………..!!!! Essendo un ex allievo, ricordo con commozione l’ex preside Gargiulo Luigi, che, in una riunione dei rappresentanti d’Istituto, ci insegnava di ascoltare, perchè non solo avremmo potuto imparare anche dal più piccolo, ma anche, per evitare di calpestare l’altrui diritto. Bene, se così fossero le cose mi verrebbe da dire: Dov’é l’ascolto dell’attuale dirigenza che chiude la porta a qualsiasi esigenza? Dov’è l’ascolto di un alunno, che, provenendo da Castellammare di Stabia/Pompei ed oltre gli viene soppresso il treno ed arriva in ritardo? Ed il cui genitore, dovrebbe perdere una mattinata di lavoro per giustificare il suo ritardo? Dov’è l’ascolto di un alunno che non vorrebbe perdere una giornata intera di lezioni, ma che per esigenze dovrebbe uscire un’ora prima?  E per la protesta odierna, dov’è lascolto di quella dirigenza che ha chiuso il portone e dovuto far scomodare anche la locale forza dell’ordine?.

G.G. shipmanagement@virgilio.it

Nostra precisazione

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento nello spirito della democrazia e libertà di parola che ci caratterizza, non condividendolo con una nota  precisandoche la redazione non contesta la Preside, aveva avvisato che nella seconda ora non si poteva entrare. Il suo intervento è stato perfettamente legittimo, ovviamente bisogna vedere i singoli casi, comunque  anche in altre scuole ci sono state lamentele per queste misure che mentre si trova chi le critica per la rigidità c’è chi le difende sopratutto dopo le voci , smentite, uscite dall’inchiesta Lucignolo di consumo di droga fuori dall’Isituto e una stretta era forse necessaria con maggiori auspicabili controlli dalle stesse forze dell’ordine magari anche con telecamere