CITTADELLA – AVELLINO MARTEDI – L´EX DI TURNO SCHIAVON, UN GOL PER PORTARE L´AVELLINO IN ALTO

0

A parlare di  Cittadella – Avellino che si giochera martedi in posticipo notturno’ forzato al Tombolato è l’ex di turno Eros Schiavon:Gare come queste le vorresti giocare subito anche per non perdere la carburazione che abbiamo e per scaricare adrenalina dopo il successo col Carpi»

 

Miki De lucia per Positanonews

Lo dice, convinto e sicuro, l’ex di turno, Eros Schiavon, reduce da due stagioni nel club veneto in cui è andato in gol   rispettivamente tre volte nella stagione 2011-2012 e sei nell’ultima. «E siccome non c’è due senza tre, farò di tutto per ripetermi anche in quella in corso, con l’unica differenza, ovviamente sostanziale, che proverò a gonfiare la rete della mia ex squadra con la maglia dell’Avellino».Ieri Schiavon  ha lasciato il campo di allenamento in anticipo per un forte raffreddore che comunque non ne comprometterà l’impiego a Cittadella.Fabbro e Castaldo hanno lavorato quanto basta, senza forzare; terapie per il primo, massaggi e lavoro specifico per il secondo, mentre Terracciano, leggermente affaticato, ha svolto lavoro ridotto, ma non è a rischio.
Oggi seduta singola a Torrette, aperta al pubblico, domenica, invece, sarà a porte chiuse, come pure la rifinitura di lunedì sempre al «Commendator Antonio Sibilia» di Torrette. La squadra partirà in aereo da Napoli nel pomeriggio.

Poco meno di tre giorni e sapremo la verità, fatto è che il ragazzo di Piove di Sacco proverà a segnare una rete che possa dare continuità di risultati ai biancoverdi anche in vista del big match del 3 novembre con il Palermo al «Partenio Lombardi».
«Quella di martedì sarà di certo una bella sfida. Torno dopo due anni in una città che mi ha dato molto, ma gli amarcord non ripagano: ora gioco con l’Avellino e se riuscissi io personalmente, ma naturalmente anche uno o più dei miei nuovi compagni a far gol, sarei felicissimo, se non altro per i tre legni che ho preso dall’inizio della stagione, Inoltre, continua a bruciare la sconfitta immeritata subìta a Siena». 
«Ma il passato è passato – aggiunge Schiavon – ora c’è il Cittadella. Mi spiace per loro, ma giocheremo per i tre punti come il mister vuole e perchè noi siamo programmati in tal senso. Se esultero? Un gol è sempre un gol e la gioia la manifesti comunque, ci mancherebbe, mi appagherebbe perché significherebbe rompere finalmente il ghiaccio e poi perché trasmetterei felicità ai nostri tifosi che – mi dicono – ci saranno al solito e numerosi anche in Veneto».
Un Avellino che un Rastelli camaleontico più che mai si prepara ad attrezzare tatticamente, calibrandolo in base all’avversario. Sarà sorretto da un centrocampo smaccatamente operaio che tanto bene sta facendo o ci sarà il ritorno di un regista puro qual è Massimo? «Posso solo dire che tutti e tre i reparti si stanno comportando molto bene, che fanno girare la squadra e soprattutto hanno contribuito con tutti i loro interpreti a raccogliere risultati importanti: non importa chi gioca, importa invece quello che il gioco collettivo riesce a produrre e finchè va così non si può che dire grazie al mister che disegna impeccabilmente di gara in gara lo scacchiere di cui noi riempiamo le caselle». «Naturalmente vincere a Cittadella – continua Schiavon – oltre che a farci cogliere il primo successo esterno, ci inoculerebbe una carica non indifferente in vista della super sfida col Palermo ma, ripeto, sicuramente sarà una gara impegnativa e piena di insidie».
Già il big match con i rosanero, banco di prova importantissimo per testare la forza del popolo biancoverde. «Certo – condivide Schiavon – i nostri tifosi sono il nostro segreto, l’arma vincente che ha disseppellito la legge del Partenio di cui avevo sentito tanto parlare: ora la vivo e, credetemi, è un’esperienza ed una sensazione unica, senza eguali che merita una risposta da parte nostra che non può che non essere una soltanto: vincere. Qui non è e non sarà facile farlo per nessuno, ma ora, martedì dobbiamo pensare al Cittadella e provare, naturalmente a vincere, per cogliere la prima vittoria esterna della stagione».

Qui Cittadella:Oggi alle 15 l’ultimo test, poi inizierà davvero la lunga vigilia di Cittadella-Avellino. Novanta minuti contro la Primavera granata allenata da Andrea Pagan, per mettere a punto gli ultimi dettagli e soprattutto ritrovare ciò che si è perso al «Rigamonti» di Brescia. 
Il tecnico del Cittadella proverà tutte le soluzioni disponibili per sostituire Coly, espulso al 5′ della sfida persa malamente contro il Brescia. Nessun dubbio in attacco, con Donnarumma e Montini indisponibili che non potranno scendere in campo nemmeno contro la Primavera. Ne avranno per molto. Squalificato anche il centrocampista Giovanni La Camera, con Nunzio Di Roberto pronto in rampa di lancio. 
Sarà proprio questo l’avvicendamento obbligato che Claudio Foscarini varerà nel test di domani alle 15. 
Il ritorno. Nunzio Di Roberto, appunto, che torna a disposizione del tecnico del Cittadella dopo il turno di squalifica scontato a Brescia. Contro le rondinelle la sua mancanza si è sentita, soprattutto quando (ovvero immediatamente) i granata si sono ritrovati a giocare in inferiorità numerica. 
Il derby. Sarà un derby vero, quello di martedì, per il centrocampista classe 1985 del Cittadella. Napoletano doc (anche 2 presenze tra i partenopei nel 2004), con la maglia granata ha messo a referto 116 presenze e 21 gol. La numero 117 sarà speciale: «Io però sto vivendo la vigilia come tutte le altre – prova a smorzare i toni – anche se sarà una bella emozione. Sarà una partita difficile, perché l’Avellino ha l’arma che serve in queste occasioni, ovvero l’entusiasmo della neopromossa, anche se dimostra di essersi ambientato in fretta alla Serie B». 
Torna alla mente, come un disco incantato, la sconfitta pesante del «Rigamonti»: «Dobbiamo dare un segnale forte. – ha detto – L’abbiamo fatto altre volte ed anche questa volta ci rialzeremo dalla caduta con il lavoro e la determinazione». 
Il pubblico avellinese? «Caldo, molto caldo, come lo è quello di una squadra del Sud. A parte qualche frangia di ultras sarà tutto normale». 
Aria di festa. La si respira in città, per la concomitanza con la Fiera Franca (festività tra le più importanti a Cittadella). I granata per la prima volta non giocheranno in trasferta durante i festeggiamenti: «È stato un errore – segnala il direttore generale granata Stefano Marchetti – ma ci adeguiamo senza polemiche. Siamo abituati a posticipi e anticipi, anche se questi incontri ravvicinati (sabato il Cittadella sfiderà il Siena, ndr) possono creare qualche problema. In questo caso, però, si trattava delle sole soluzioni disponibili». «Ci sarà più pubblico», ha ribattuto Di Roberto.
Ieri, intanto, altre due ore di seduta agli ordini di Claudio Foscarini. Ranghi regolari e nessuna cattiva notizia per il tecnico.ilmattino

 

Calcio Napoli

Domani ore 12,30 Napoli – Torino Le probabili formazioni

E-mailStampaPDF
Per la sfida di domani tra Napoli e Torino all’ora di pranzo Rafa Benitez potrebbe optare  quattro cambi rispetto alla formazione che ha affrontato il Marsiglia in Champions League,anche considerando la sfida infrasettimanale contro la Fiorentina.A difendere Reina qusi sicuramente Albiol-Fernandez, (Cannavaro è squalificato) sulla destra Mesto con Armero a sinistra,a centrocampo…

Leggi tutto…

Napoli Torino i precedenti, dirige il match De Marco di Chiavari

E-mailStampaPDF
I 68 PRECEDENTI 
(nel 1975 si giocò a Roma, nel 2003 a Campobasso, a porte chiuse)
61 in serie A, 2 in serie B e 5 in Coppa Italia

24 vittorie del Napoli
31 pareggi
13 vittorie del Torino
91 gol del Napoli
65 gol del Torino

L’ultima vittoria del Napoli:
1-0 il 10 aprile 1996
30’ p.t. Boghossian (N)

L’ultimo pareggio:
1-1 il 4 novembre 2012
7’ p.t. Cavani (N), 46’ s.t. Sansone…

Leggi tutto…

Domani dopo Napoli -Torino assaggi di pasta anche nello spogliatoio

E-mailStampaPDF

 

Anima azzurra e Cuore Toro uniti dalla pasta Garofalo. Domani in occasione del match del San Paolo il pastificio Garofalo ha organizzato un evento con il Calcio Napoli per offrire il “terzo tempo” alla squadra granata. Al termine dell’incontro, come di consueto, gli azzurri assaggeranno piatti di pasta che stavolta saranno distribuiti anche nello spogliatoio del Torino.

Lady De Laurentiis la tradizione continua

E-mailStampaPDF
La tradizione per  lady De Laurentiis sii ripete anche quest’anno .La signora Jacqueline  ieri ha voluto al suo fianco moglie e compagne dei giocatori del Napoli. Tutte ospiti all’Hotel Vesuvio: è il terzo anno di seguito che la moglie del presidente del Napoli organizza questo simpatico evento in rosa. C’era anche la moglie di Rafa Benitez che da alcuni giorni ha raggiunto il marito a…

Leggi tutto…

Sportmediaset I tre colpi del Napoli a gennaio

E-mailStampaPDF
Mercato-Napoli: a questo punto, si fa molto sul serio. Ha parlatoDe Laurentiis, venerdì; ha parlato Benitez, sabato di vigilia. Le porte di gennaio sono aperte, si può spendere: il campionato è un obiettivo, la strada di Champions, dopo la vittoria di Marsiglia, una tentazione e non soltanto un sogno irrealizzabile. Arriverà un campione. Arriveranno campioni.

Il top-player indicato…

Leggi tutto…

Marsiglia-Napoli 1-2: Callejon e Zapata fanno felice Benitez

E-mailStampaPDF
Grande prova di maturità del Napoli di Rafa Benitez, che dopo la sconfitta in campionato con la Roma e quella in Champions con l’Arsenal , vincea Marsiglia dominando la gara e battendo i francesi 2-1. Un gol per tempo: dopo tante occasioni sprecate al 42′ Higuain apre bene per Callejon che salta un difensore e trova l’1-0. Nella ripresa il Pipita lascia il posto a Duvan Zapata, che chiude…

Leggi tutto…

Cori contro i napoletani durante Milan – Barcellona

E-mailStampaPDF
Messi contrastato da Muntari. ReutersCanti intonati dai tifosi rossoneri dalla Curva Sud di San Siro durante la sfida di Champions League contro i blaugrana: i supporters azzurri sono stati definiti “colerosi” e “terremotati”sempre la solita storia

Ancora cori contro Napoli e i napoletani nella sfida tra Milan e Barcellona. I tifosi rossoneri presenti nella Curva Sud, attorno al 20′ del primo tempo, hanno intonato in un paio di…

Leggi tutto…

Marsiglia – Napoli fischia il Turco Cuneyt

E-mailStampaPDF
È il turco Cuneyt Cakir dirigere Marsiglia-Napoli. Con lui i connazionali assistenti arbitrali Duran e Ongun, quarto uomo è Eyisoy, gli arbitri d’area sono Gocek e Simsek. Cakir, 37 anni, amante della lettura è un assicuratore. Inizia a dirigere a soli 25 anni nella massima serie turca. Internazionale dal 2006 (29 anni, un record), è un fischietto molto considerato dall’Uefa. In Europa…

Leggi tutto…

I precedenti del Napoli in Francia

E-mailStampaPDF

 

Sono quattro i precedenti in Francia: una vittoria, 1-0 a Bordeaux nel 1988, un ko, 0-1 a Tolosa nel 1985, e due pareggi, l’1-1 con il Metz nel ’69 e lo 0-0 con il Paris Saint Germain nel ’92. Questa di 21 anni fa, il 4 novembre, a Parigi è l’ultima trasferta transalpina degli azzurri.

E’ Reina l’azzurro con piu’ esperienze nelle coppe

Lascia una risposta