Napoli. Vomero, fontana via Scarlatti: sospesa la fornitura idrica

0

Napoli. “Dopo che per quasi 14 anni, da quando cioè nel dicembre 1999 fu installata, la fontana nell’isola pedonale di via Scarlatti ha vomitato nelle fogne miriadi di ettolitri di litri d’acqua andati perduti, dal momento che non era stata installata la pompa per il riciclo, finalmente da ieri si sono decisi a sospendere la fornitura idrica”. A darne notizia è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari che in passato ha più volte segnalato lo spreco d’acqua corrente per un manufatto che non ha mai riscosso, nei quasi tre lustri di presenza, grandi simpatie tra i vomeresi, al punto che ancora oggi si tramanda la leggenda metropolitana del buontempone che nottetempo nel periodo natalizio, pochi giorni dopo la sua collocazione nell’isola pedonale, vi avrebbe introdotto alcune anguille. “Uno spreco inaudito l’aver consentito che migliaia di metri cubi d’acqua finissero in tanti anni nelle fogne comunali e solo per alimentare la fontana – continua Capodanno – Un errore, quello di non aver installato sin dalla collocazione della fontana un’apposita pompa per riciclare l’acqua, che potrebbe coinvolgere sia chi ha progettato ed eseguito la collocazione del manufatto, sia chi avrebbe dovuto porre in essere i necessari controlli, anche di fronte alle diverse segnalazioni, avvenute nel tempo, da parte dei residenti, pure per perdite dovute a presumibili guasti”. “Ci domandiamo – prosegue Capodanno – a questo punto chi abbia pagato, se sono state pagate, le bollette emesse dall’ex ARIN oggi ABC per l’acqua che ha alimentato per tanti anni la fontana. E come sia stato possibile un tale spreco senza che nessuno sia mai intervenuto, così come è accaduto in questi giorni, per bloccare la perdita del prezioso liquido, chiudendo l’erogazione dell’acqua fino a quando, si presume, sarà finalmente installata la pompa per il riciclo”. Capodanno, anche in relazione ai possibili danni subiti dalla collettività per lo spreco evidenziato, chiede che venga aperta un’indagine per chiarire tutti gli aspetti di questa emblematica vicenda.

Lascia una risposta