Positano. Critiche agli sbarchi via mare. La Travelmar da Amalfi ci querela, vogliono zittirci – VIDEO

0

Sotto video. Positano. Critiche agli sbarchi via mare. La Travelmar ci querela, vogliono zittirci. Vorremmo vedere le persone che ci criticano per essere stati troppo “morbidi” contro le cosiddette Vie del mare in Costiera amalfitana. Gli sbarchi via mare sono stati oggetto di contestazione da tutte le associazioni ed anche dagli ultimi sindaci in carica, da Ottavio Fusco e poi ancora di più da Domenico Marrone (che ne fece una battaglia) e da Michele De Lucia (come oggetto di campagna elettorale). La denuncia ci è arrivata solo oggi ma pare sia stata fatta il 20 luglio, dopo un’assemblea che ha dato delega al presidente Di Leva affinchè ci denunci e, quindi, ci fermi nel nostro lavoro. Non è solo un diritto quello di dare voce ai deboli ed ai cittadini (che hanno inserito articoli, inviato lettere o dato informazioni, anche con foto e video), ma anche un dovere, quello di registrare quello che avviene con le vie del mare. Personalmente, come cittadino di Positano – zona tutelata dall’Unesco, rientrante nel Parco dei Monti Lattari e perla del turismo della Campania e del mondo – ritengo che le vie del mare così come sono stravolgono il nostro paese. Il loro impatto ambientale ed antropico (non solo della Travelmar ma di tutti insieme ovviamente, loro sono quelli che hanno le corse da Salerno ad Amalfi e Positano) è evidente. Il nostro è un dovere, dovere di cronaca, dovere di critica, dovere di difendere il nostro paese e continueremo a farlo finchè ci è umanamente possibile. Per amore solo per amore, della verità, della giustizia, della mia terra che difenderò con le unghie e con i denti.

Michele Cinque  

Aggiungiamo, a mò di esempio delle cose che contestiamo, l’ultimo video di una motonave che proprio qualche giorno fa ha imbarcato sotto la pioggia decine di persone. Il video è stato girato prima che sapessimo della denuncia (abbiamo fatto anche il video dei danni provocati dalle condotte denunciando un altro disservizio, non ce la prendiamo solo con le vie del mare ma con tutto ciò che non va nel nostro paese, cliccando vedete l’articolo, ndr). E’ un nostro diritto-dovere di cronaca documentare, altrimenti meglio chiudere il giornale. Non abbiamo mai contestato la legalità, ma criticato questi sbarchi. Ricordiamo che da Salerno o da Napoli in Campania o a Roma in Italia e nel mondo dovunque si può vedere che succede sul molo minuto per minuto collegandosi alla web cam  QUI UN ALTRO ARTICOLO