Inchiesta ristoranti, chiesti quattro anni di carcere all´ex capo della Mobile

0

Quattro anni di reclusione e cinque anni di interdizione dai pubblici uffici: è la richiesta a carico di Vittorio Pisani, ex capo della mobile, al termine del processo a carico di alcuni ristoratori del lungomare. Abuso d’ufficio, rivelazione di atti coperti e favoreggiamento sono le accuse che hanno spinto i pm Sergio Amato e Enrica Parascandolo a chiedere la condanna dell’ex primo dirigente di via Medina. Durissime anche le richieste a carico di manager, imprenditori e professionisti: 13 anni per Marco Iorio, 11 per Massimo Iorio e 8 per Carmine Iorio; 18 anni per il ristoratore Bruno Potenza, 10 anni per Salvatore Potenza, 4 anni invece per Assunta Potenza. Ecco le altre richieste di condanna: 8 anni per la commercialista sandra de caro; poi 4 anni per Enrico De Gais, 7 anni per Andrea Macchia, tre anni per Di Pesa, sei anni per Carpentieri, cinque anni per Palnquel, sette anni per Sarpa, tre anni per Martelli, 8 anni per Di Giovanni.

L.d.g. IL MATTINO.IT