ECDC: la riemersione della polio nell´UE può essere prevenuta

0

La recente rilevazione del virus polio tipo 1 (WPV1) in acque luride e in portatori asintomatici in Israele solleva nuovi interrogativi sul rischio potenziale di un ritorno e il ristabilimento del temibile WPV nei paesi UE/SEE. In una nuova valutazione rapida del rischio, l’ECDC, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, conclude che attualmente non esiste la possibilità che il virus della poliomelite possa essere importato e ristabilito in UE/SEE. Tuttavia, sulla base delle limitate informazioni su sistemi di sorveglianza esistenti, c’è un rischio che la circolazione di poliovirus potrà restare inosservato se sarà introdotto. Il più alto livello di rischio è rappresentato dalla vicinanza e dallo spostamento di gruppi di popolazioni o non vaccinate o sotto-vaccinate, rispetto a grandi popolazioni vaccinate con vaccino antipolio inattivato (IPV). Scarse condizioni di igiene possono anche svolgere un ruolo nel facilitare la diffusione dell’infezione. I livelli di copertura di vaccinazione in UE possono essere considerati soddisfacenti e possono spiegare l’assenza di circolazione del WPV nella Nostra macroregione finora. Tuttavia, ci sono anche sacche di popolazione che sono non vaccinati o sotto-vaccinati che sono a maggiore rischio di infezione e malattia. Si stima che 12 milioni di persone nell’UE sotto l’età di 29 anni non sono stati vaccinati o hanno completato il calendario di vaccinazione raccomandata nazionale contro la polio. I gruppi non vaccinati devono essere identificati con azioni mirate per aumentare la copertura della vaccinazione in queste popolazioni e devono essere effettuate con urgenza. La valutazione dell’ECDC ha rilevato che se il WPV è riuscito a riemergere in Israele, con un sistema sanitario paragonabile a gran parte della copertura di vaccinazione UE e polio, allora dobbiamo accettare che c’è il rischio che potrebbe riemergere in UE/SEE. Il modo per evitare che questo accada non è facile, ma è noto: prevenire; rilevare; rispondere. Ulteriori sforzi devono essere fatti per avere almeno una media nazionale del tasso di copertura del 90% vaccinazione e i non vaccinati e i sotto vaccinati devono essere identificati e mirati. I sistemi di sorveglianza devono essere a posto e lavorare bene per rilevare virus polio immediatamente. E infine, gli Stati membri devono avere piani di intervento nazionale in atto in caso di epidemia. Che poi è ciò che hanno fatto le autorità di sanità pubblica israeliana per prevenire la diffusione del poliovirus, come ha correttamente rilevato il direttore dell’ECDC, dottor Marc Sprenger. Valutazione del rischio Nel caso in cui il WPV venga reintrodotto possono essere adottate le seguenti conclusioni: • I soggetti con OPV è molto improbabile che si infettino e che successivamente sviluppino la malattia; • C’è un rischio moderato che quelli con un solo vaccino IPV siano infettati con il virus della poliomielite e un basso rischio di sviluppare la malattia; • Individui non vaccinati o sotto-vaccinati sono ad alto rischio di infezione da poliovirus e sono a rischio moderato di sviluppare la malattia Gli esseri umani sono l’unico vettore per il virus della polio, così i viaggi tra paesi UE/SEE e paesi in cui circola il WPV potranno determinare in gran parte il rischio che il virus sia importati nella UE/SEE. L’Europa è stata continuamente a rischio dopo che fu dichiarata libera dalla polio nel 2002, in conseguenza dei significativi flussi di popolazione da e per i sei paesi con focolai di polio segnalati e Israele. Gli ultimi dati dell’apparato di sorveglianza suggeriscono che non c’è stata alcuna circolazione di WPV o virus polio vaccino-derivato nella regione europea dell’OMS nel 2012, confermando il suo status di libero dalla polio, come determinato dalla certificazione regionale della Commissione europea per la eradicazione della poliomielite (RCC). Tuttavia, per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” alla luce di quanto sostenuto dalla massima istituzione europea in tema di prevenzione e controllo delle malattie e dei focolai nei paesi limitrofi, i sistemi di sorveglianza devono essere rafforzati negli Stati membri per consentire il rilevamento tempestivo del temibile virus della polio.

Lascia una risposta