Cava de´ Tirreni. Una strage di gatti in località Li Curti. Avvelenati e buttati nella spazzatura

0

Cava de’ Tirreni. Numerosi gatti morti, tantissimi ritrovati con emorragie estese e altri invece che risultano dispersi, al punto da far temere che il peggio, per loro, sia già venuto. È il destino che accomuna i mici della località di Li Curti, frazione Sant’Arcangelo a Cava de’ Tirreni: avvelenati, condannati ad una fine atroce e, prima ancora che la loro agonia fosse terminata, buttati nella spazzatura o abbandonati tra i cespugli e sul ciglio della strada. È strage di felini nella località della città metelliana, a lanciare il tragico allarme sono i tanti residenti che hanno assistito allo scempio di una carneficina opera di ignoti. E ora è caccia aperta all’assassino perché che si tratti di una strage intenzionale non ci sono dubbi: con tutta probabilità i gatti che affollavano la frazione sono stati tratti in inganno con polpette intossicate, piene di pesticidi e frammenti di vetro che si sono rivelate fatali. Nello sconforto totale i numerosi abitanti della zona che si erano spesso prodigati per accudirli e sfamarli quando gironzolavano per i sentieri della località. Stando a quanto dichiarato, a parte qualche piccolo inconveniente dovuto alla loro natura selvatica, i gatti non facevano in realtà del male a nessuno anzi erano un ottimo deterrente contro l’invasione dei topi. Ma a quanto pare qualcuno non era d’accordo e ha pensato bene di risolvere il problema con una vile carneficina. A fare ribrezzo è soprattutto il modus operandi che causa una morte che può arrivare istantaneamente oppure dopo una lenta agonia, con le bestiole straziate da fortissimi dolori. Purtroppo non è la prima volta che nella zona si verificano episodi del genere, in passato cani e gatti sono stati vittime di altri avvelenamenti, senza che ci sia stato alcun intervento delle forze dell’ordine. Senza indugi sono partiti quindi gli appelli per rintracciare il farabutto e non mancherà l’intervento degli animalisti in proposito. (Giuseppe Ferrara – Metropolis)