La Costiera amalfitana va alla scoperta della Cina

0

La Costiera amalfitana va alla scoperta della Cina. Già, perché a rappresentare non solo la Divina ma addirittura tutta l’Italia, al Cite 2013, la Fiera dell’industria turistica internazionale, evento che si svolge già da diversi anni all’interno del China import and export fair complex di Guangzhou, sono stati l’hotel Bonadies di Ravello, l’A&C consulting e Sposa Mediterranea. Aziende che hanno organizzato uno stand indipendente (foto), per far conoscere ai visitatori le bellezze, la cultura e l’ospitalità della Costa d’Amalfi. Lì dove non arrivano le istituzioni, dunque, che non organizzano una serie e costruttiva politica di marketing, ci pensano i privati che, a proprie spese e a suon di iniziative, promozionano non solo le singole strutture ma l’intero territorio. Del resto il mercato cinese potrebbe rivelarsi foriero di soddisfazioni per gli operatori turistici, in quanto, statistiche alla mano, è uno dei pochi il cui trend è in crescita vertiginosa, addirittura in controtendenza con le previsioni dell’economia mondiale. E, dunque, i viaggiatori con gli occhi a mandorla rappresentano una grande opportunità per incrementare gli arrivi in Costiera e aprire nuove frontiere. Perciò, oltre a incontrare i tour operator, Andrea Carrano e Suita Carrano hanno avuto un gran da fare anche con i “futuri” viaggiatori, affascinati dalle foto che immortalavano la bellezza della Costiera. E, inoltre, proprio per invogliare i potenziali turisti a raggiungere l’Italia, sono stati sorteggiati e assegnati tre soggiorni premio a Ravello, naturalmente presso l’Hotel Bonadies