1/9/13 Imu: Napolitano ha firmato decreto legge

0

 

1/9/13 Imu: Napolitano ha firmato decreto legge

Nel testo firmato non ci sono le seconde case e i capannoni

31 agosto, 16:58

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato il decreto legge sull’Imu. Lo si e’ appreso al Quirinale. Nel testo non c’è la reintroduzione dell’Irpef sulle rendite catastali delle case sfitte. Nel testo non compare neanche la deduzione Imu dal reddito di impresa pagata sui capannoni industriali e gli immobili strettamente connessi all’attività. Lo riferiscono fonti di governo.

Baretta, deducibilità capannoni in Legge Stabilità – La deducibilità per i capannoni delle imprese che, insieme al ritorno dell’Irpef sulle seconde case, non compare nel decreto firmato da Napolitano ”bisogna farla con la Legge di Stabilità”. Lo spiega il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, aggiungendo che dovrebbe valere per l’anno di imposta 2013, cioè deducibile nel 2014.

ECCO I CONTENUTI DEL DECRETO LEGGE -Il governo si tutela: se non dovessero entrare i fondi pari a circa 1,5 mld previsti dall’Iva successiva ai pagamenti P.a. e dalla ‘transazione’ sulle slot machine è prevista una clausola di salvaguardia. Salirebbero in questo caso gli acconti Ires, Irap e le accise. Lo prevede il testo definitivo del decreto Imu. 
– Arrivano 2.327.340.486,20 di euro
per l’anno 2013 e 75.706.718,47 euro a decorrere dall’anno 2014 per compensare i Comuni, le regioni a statuto ordinario, Sicilia e Sardegna del minor gettito Imu.

– Stop prima rata e imposta invenduto, cedolare al 15%. 
Confermato lo stop alla prima rata del’imposta. C’e’ anche la riduzione della cedolare secca che passa come noto dal 19 al 15% e non è dovuta da parte dei costruttori la seconda rata 2013 per gli immobili rimasti invenduti o sfitti

-Per Cigd altri 500 mln; tutelati 6500 esodati  – Arrivano, come già annunciato, altri 500 milioni per la cassa integrazione in deroga: lo prevede il decreto Imu ora in Gazzetta Ufficiale nel quale si conferma anche la tutela per altri 6.500 esodati per una spesa complessiva di 151 milioni nel 2014; 164 nel 2015; 124 nel 2016; 85 nel 2017; 47 nel 2018 e infine 12 nel 2019. 
– Dimezzato il tetto massimo di detraibilità delle polizze vita
: passa dagli attuali 1.291,14 euro a 630 euro per il periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013. Poi si scende a 230 euro a decorrere dal periodo d’imposta 2014. Sono compresi i premi vita e infortuni stipulati o rinnovati entro il periodo d’imposta 2000

 – Militari super tutelati dalla nuova disciplina Imu
.  ‘Non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica ai fini dell’applicazione della disciplina in materia di Imu concernente l’abitazione principale e le relative pertinenze, a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unita’ immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonche’ dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”.

– La Cdp potrà ”acquistare obbligazioni bancarie garantite emesse a fronte di portafogli di mutui garantiti da ipoteca su immobili residenziali” o titoli ”emessi nell’ambito di cartolarizzazione” di crediti derivanti da mutui garantiti da ipoteca”. La cdp potrà, dopo aver stipulato una convenzione con l’Abi, finanziare le banche per l’erogazione di nuovi mutui e per interventi di ristrutturazione ed efficienza energetica.

 

ANSA 31 agosto, 16:58

 

Inserito da Alberto Del Grosso alle 03:05 dell’1 settembre 13