MEDAGLIA D´ORO X LUCA E VINCENZO ESEMPIO X TANTI GIOVANI DI VICO E CASTELLAMMARE..

0

Giuseppe Abbagnale, oggi presidente della Federazione Italiana Canottaggio, alle Olimpiadi di Seul 1988 svoltesi 25 anni fa, vinse insieme al fratello Carmine e al timoniere Peppiniello Di Capua la medaglia d’oro nel due con. Oggi, dopo 25 anni, il figlio Vincenzo (CN Stabia), capovoga come il padre, ha vinto il mondiale assoluto a Chungju (Corea del Sud) riportando sul tetto del mondo il due con. Una medaglia d’oro vinta nella “specialità di famiglia” vogando insieme a Luca Parlato di Vico Equense (Marina Militare) e al timoniere Enrico D’Aniello (CN Stabia). C’è uno sport che per la sua bellezza da continue emozioni. Ci vuole tecnica cuore e tanta voglia di emergere senza grandi ritorni economici. Un mondo sportivo a volte dimenticato per poca pubblicità oggi ritorna sulle prime pagine dei mass media internazionali.I sacrifici sono alla base di uno sport duro come il canottaggio. C’è una scuola vera a Castellammare dove ogni giorno si studia da campioni.I sacrifici ripagano poi per il sudore versato sulla barca in mare e dopo tante ore di allenamento. Due ragazzi danno un esempio a tutti. In costiera ci sono tanti ragazzi che fanno un altro sport quello di perdere tempo inseguendo falsi illusioni di vita e drogati dal sistema. L’alcool e la droga distruggono le speranze di chi cerca un futuro migliore. Si coglie da questa vittoria il senso di uno sport pulito senza doping costruito dalla passione e dalla voglia di essere uomini di sport nel vero senso della parola. Il tecnico LA MURA e il presidente GIUSEPPE ABBAGNALE COSTITUISCONO UN BINOMIO VINCENTE. I risultati sono conseguiti su progetti importanti e con il lavoro tanto lavoro. La coppia d’oro vince una medaglia da sogno. Vico Equense e Castellammare di Stabia due città che sono legate da un due con vincente che in Corea ha fatto emozionare tutti mancava solo il commento focoso, passionale e avvincente di GIAMPIERO GALEAZZI. Due città che hanno bisogno di una svolta sociale. Ci sono tanti ragazzi persi per strada che abbandonano la scuola, il lavoro e rincorrono la droga e fanno penare le famiglie. Prendere esempio da questa vittoria dopo 25 anni per riflettere. Dopo le vittorie di GIUSEPPE CARMINE E PEPPINIELLO che hanno dato tanto all’Italia sportiva altri campioni possono dare l’esempio ai giovani per scegliere strade sicure per il loro avvenire. MEDAGLIA D´ORO X LUCA E VINCENZO ESEMPIO X TANTI GIOVANI…