AVELLINO TRAVOLGE IL NOVARA AL PARTENIO IN DIECI MILA

0

aVELLINO (3-5-2): Seculin; Izzo Fabbro Pisacane; Zappacosta (44′ st Millesi) Arini Togni (8′ st D’Angelo) Schiavon Bittante; Castaldo (26′ st Soncin) Galabinov. A disp.: Terracciano, Pape Dia, Herrera, Peccarisi. All.: Rastelli. NOVARA (4-3-3-): Kosiscky; Salviato Perticone Bastrini Potouridis; Pesce Buzzegoli (29′ st Faragò) Rigoni (15′ st Pivkovski); Gonzales Comi (23′ st Josipovic) Lazzari. A disp.: Montipò; Katidis,Nava, Mori. All.: Aglietti ARBITRO: Ciampi di Roma1 Guardalinee: Di Franesco di Teramo e Maurizio De Troia Termoli/Quarto uomo: Fiore di Barletta MARCATORI: 40′ pt Castaldo (Rig, A). NOTE: Ammoniti: Fabbro (A), Kosiscky (N)Espulsi: Angoli.8-2 Novara.Rec.: 2’pt; 5′ st AVELLINO CALCIO – Massimo Rastelli si affida al collaudato 3-5-2. Il tecnico di Scafati inserisce Bittante sull’out sinistro di centrocampo e rispolvera Castaldo in attacco al posto di Soncin. A centrocampo recupera Togni. Il brasiliano ex Pescara guiderà la mediana biancoverde con Arini e Schiavon ai lati. Sulle corsie esterne Zappacosta e Bittante. In porta Seculin, difesa a tre con Izzo-Fabbro e Pisacane. In avanti duo d’attacco Galabinov-Castaldo. PUBBLICO – “Partenio-Lombardi” bello di notte. Diecimila spettatori sugli spalti. Pubblico delle grandi occasioni per la prima di campionato. Circa 10.000 spettatori a sostegno della squadra biancoverde. “Per una Curva di valori e vecchie tradizioni…pretendiamo undici leoni”. Questo lo striscione esposto dalla Sud prima del match. LA GARA 5′ Castaldo mette al centro per Galabinov, conclusione deviata. Il Novara si salva. 6 Zappacosta crossa al centro per Castaldo, colpo di testa che finisce tra le mani dell’estremo difensore biancazzurro. 13′ Arini recupera un pallone a centrocampo e serve Togni. Il brasiliano allarga sull’out sinistro per Bittante che serve Galabinov. Il bulgaro si libera di Bastrini e calcia a rete. Kosisky para. 14′ Castaldo ci prova al volo su un rilancio dalle retrovie. 35′ angolo di Buzzegoli, Comi colpisce di testa. Seculin si oppone e manda in angolo. 40′ Perticone di testa per Kosiscky, Castaldo anticipa il portiere e viene atterrato in area dallo stesso numero uno. Ciampi indica il dischetto. Il numero 10 biancoverde freddo con un perfetto tiro nell’angolo porta l’Avellino in vantaggio. 45′ il Novara prova a rispondere con Comi, conclusione da dimenticare. RIPRESA 4′ Bittante si invola a sinistra serve Galabinov che si gira e apre per Zappacosta. Il numero due biancoverde in corsa con un grandi tiro al volo supera il portiere piemontese. 12′ Avelllino nuovamente pericoloso, Pisacane lancia in area Castaldo che si libera di un avversario e calcia a rete. Applausi per l’Avellino. 16′ Pivkovski crossa al centro per Gonzales che di testa manda alto. 19′ errore di Arini che perde un pallone a centrocampo. Sulla sfera si avventa come un falco Gonzales. L’argentino si invola verso la porta e calcia dai 25 metri: tiro centrale bloccato da Seculin. 25′ Galabinov recupera un pallone in area e percorre tutto il campo palla al piede, giunto al limite serve Schiavon, ma il pallone è lungo. 31′ sponda del bulgaro per il neo entrato Soncin, il numero sette biancoverde calcia dai 25 metri. L’estremo ospite salva con non poche difficoltà. 32′ Novara pdericolo con Gonzales.L’ex Palermo si libera della marcatura e calcia verso la porta di Seculin. Pallone che sfiora l’incrocio. 37′ Schiavon cerca la conclusione dal limite: pallone che si stampa sul palo. Secondo legno stagionale per il numero 18 biancoverde. 41′ angolo di Gonzales, Seculin non controlla e Faragò non perdona. 49′ il portiere ex Juve Stabia salva su Bastrini. E’ festa grande allo stadio “Partenio-Lombardi” con i tifosi biancoverdi che possono fare festa sugli spalti. La squadra al fischio finale si va a prendere il meritato applauso del pubblico. E’ un Avellino, brello e grintoso. Una squadra che gioca con grande intelligenza tattica. Meriti anche a Rastelli.

 

CESENA ARRIVA DAL’ATALANTA IL DIFENSORE DANIELE CAPELLI

L’EX SIENA  KHARJA RITORNA IN ITALIA VICINISSIMO AL LIVORNO

                         Avellino domani arriva dal Bologna Mathias Abero.

L’anticipo della serie B tra la Reggina e il Bari fin isce 0-0 Poco spettacolo al Granillo, nel primo tempo le squadre si sono rese pericolose solo con tiri da lontano. Nella ripresa, invece, la Reggina ha cercato il gol con più insistenza colpendo due legni: al 67’ palo di Di Michele su calcio di punizione, al 35’ traversa di Gerardi su sviluppi di un calcio d’angolo. Questo il programma completo della prima giornata (tutte le gare si giocano alle 20.30): oggi: Avellino-Novara (arbitro Ciampi); Brescia-Lanciano (Ghersini); Empoli-Latina (Aureliano); Modena-Palermo (Baracani); Padova-Trapani (Di Bello); Pescara-Juve Stabia (Mariani); Siena-Crotone (Borriello); Spezia-Cittadella (Di Paolo); Ternana-Carpi (Saia); lunedì: Cesena-Varese (Nasca). 

 

                      L’ Avellino sfida il Novara di Mister Aglietti

In quattro anni dalla serie D ad un passo dalla A. L’Avellino del presidente Walter Taccone e del tecnico Massimo Rastelli rimette questa sera piede in cadetteria, dove è entrato dalla porta principale dopo un campionato vinto, appena tre mesi fa, in maniera trionfale. Per l’occasione lo stadio Partenio-Lombardi, che si è rifatto il look a tempo di record, rischia di far registrare il primo sold out della stagione: esauriti già ieri sera i settori popolari, restano disponibili circa duemila biglietti di tribuna Montevergine. Nelle previsioni, quindi, sulle gradinate sono attesi in quasi diecimila per spingere i biancoverdi di Rastelli che dovranno vedersela con il Novara di Alfredo Aglietti. Un avversario costruito per vincere, che si presenterà in Irpinia con uno spregiudicato 4-3-3, che non farà cambiare atteggiamento tattico al tecnico biancoverde, ormai sintonizzato sul nuovo 3-5-2 sperimentato, in maniera vincente, nelle precedenti gare di Coppa Italia contro il Monza e il Cesena. 
Tanti, però, sono ancora i dubbi sugli interpreti da mandare in campo con ballottaggi in ogni reparto. In difesa, ad esempio, davanti a Seculin ci saranno sicuramente Fabbro e Pisacane mentre tra Bittante, favorito, e Izzo è lotta per un posto da interno destro. In mediana tutto ruota intorno alle condizioni di Romulo Togni. Il brasiliano si è allenato solo nelle ultime 48 ore ed è in forte dubbio. Rastelli, tuttavia, farà di tutto per recuperare il giocatore posizionando ai suoi lati D’Angelo e Schiavon, sugli esterni Zappacosta a destra e De Vito a sinistra. In attacco, invece, intorno al gigante Galabinov, suo il gol decisivo contro il Cesena in Coppa Italia, dovrebbe esserci nuovamente Soncin dal momento che Castaldo non è ancora al top della condizione. Il capocannoniere dello scorso campionato, che torna in cadetteria dopo appena un anno ed i 10 gol messi a segno con la casacca della Nocerina, siederà in panchina: Rastelli sarà chiamato a fare le prime esclusioni eccellenti. 
Anche per questa ragione, al fine di tenere il gruppo in armonia, il tecnico ha preferito convocare tutti gli elementi della rosa: «Siamo alla vigilia di un esordio a cui teniamo molto – ha ammesso – e ho preferito portare tutti in ritiro per preparare questa sfida. Da tecnico sarà pure per me la prima volta in serie B ed è chiaro che non mancherà un pizzico di emozione. Personalmente ho la consapevolezza di aver dato il massimo per preparare la squadra e di avere a disposizione un buon organico che ha già dimostrato contro il Cesena di poter affrontare la categoria. Ecco perché dai miei ragazzi mi aspetto una grande prestazione per ripagare la Curva Sud e l’intera tifoseria biancoverde che, come accaduto lo scorso anno, ci daranno la carica per superare le difficoltà e l’emozione dei debuttanti».
Sul versante ospite sono pochi i dubbi di formazione di Alfredo Aglietti che, questa mattina, farà sostenere una rifinitura ai suoi uomini nel ritiro di Serino. «Al Partenio-Lombardi – ha detto l’ex calciatore della Reggina – mi aspetto un ambiente infuocato ed un avversario agguerrito. In mezzo al campo i biancoverdi giocano in cinque e quindi proveranno ad aggredirci e toglierci spazio. Sono convinto che ci presseranno molto nelle zone nevralgiche del campo. Per questo dovremo essere bravi a non dare punti di riferimento. Dovrebbe mancare Togni, è vero, ma al suo posto ci sarà qualcuno che garantirà ancora più dinamicità e aggressività. Questo, tuttavia, non significa che cambierò modo di giocare».

fonte:ilmattino 

Calcio Napoli

 

Arriba Zapata gia’ sul presepe di San Gregorio Armeno

E-mailStampaPDF
Calciomercato Napoli, Zapata è ufficialmente un giocatore azzurro

 

I tifosi del Napoli aspettano con ansia  di vedere i nuovi azzurri, anche quelli che devono ancora presentarsi a Castelvolturno, come Zapata. Il colombiano è già sul presepe di San Gregorio Armeno: la statuina è stata realizzata dall’artigiano Genny Di Virgilio.

Napoli Bologna arbitra De Marco

E-mailStampaPDF
Arbitro De Marco  ligure della sezione di Chiavari, uno dei migliori fischietti toccherà a lui fischiare Napoli Bologna nella prima partita di campionato di Benitez a Fuorigrotta. Una curiosità: De Marco aveva diretto un altro Napoli-Bologna, quello del 18 ottobre 2009, in cui Mazzarri esordì sulla panchina azzurra con una vittoria per 2-1 «Saremo intransigenti in questa stagione – ha…

Leggi tutto…

Salvatore Bagni e Edy Reja i commentatori azzurri

E-mailStampaPDF
Saranno Salvatore Bagni ex mediano del Napoli, ed Edy Reja l’allenatore che ha portato il Napoli dalla serie C alla A i commentatori azzurri.Domani inizia il campionato e il Napoli affrontera’ il Bologna al San Paolo alle ore 20,45.Radio Kiss Kiss emittente ufficiale  del club per le prossime tre stagioni iniziera’ l’avventura azzurra, il radiocronista Carmine Martino sarà affiancato da…

Leggi tutto…

Napoli Bologna – Higuain il nuove Re del San Paolo.Insigne rischia il forfeit.Le probabili formazioni

E-mailStampaPDF
Napoli BolognaHiguain è pronto,contro il Bologna domenica sera vuole la vittoria per l’esordio nel campionato italiano.Domenica in tribuna ci sara’ sua madre Nancy.Il Pipita potrebbe andare a vivere a Parco Matarazzo,dove abita Pandev e dove ha vissuto nell’ultimo periodo Cavani.Higuain ha vissuto questo suo primo periodo napoletano in un albergo sul lungomare,all’hotel Vesuvio,dove ha potuto vivere in…

Leggi tutto…

Champions League Napoli in quarta fascia

E-mailStampaPDF
Sara’ il 29 agosto il giorno ultimo per conoscere le avversarie del Napoli in Champions League nel sorteggio di Montecarlo. Ma i risultati dei preliminari, con le larghe vittorie in trasferta ottenute da Arsenal, Zenit e Basilea, e la qualificazione ai gironi di Champions praticamente ipotecata, relegano gli azzurri, così come accadde due anni fa, in quarta fascia. Nell’urna ci saranno 32…

Leggi tutto…

Napoli Bologna Insigne Hamsik e Callejon a supporto di Higuain

E-mailStampaPDF
Benitez è pronto a giocare contro il Bologna e cercare di batterlo,visto che i rossoblu sono la bestia nera del Napoli.Lo spagnolo  si affiderà a un mix tra nuovi arrivati e vecchia guardia. Britos si è nuovamente aggregato alla squadra ma è (assai) probabile che la coppia centrale sia composta da Cannavaro e Albiol. Ovvero: lo spagnolo è sicuro del posto, mentre il capitano e…

Leggi tutto…

Pesaola ai miei tempi allenare il Napoli era un premio

E-mailStampaPDF
Bruno Pesaola parla  dei 3,5 milioni annui che percepisce Benitez

Pesaola ha allenato il Napolii e ha vinto lo scudetto con la Fiorentina.Queste le sue parole:Il Comandante Lauro nel 62 mi propose di allenare il Napoli io ero nella Scafatese,ma non ho mai avuto spipendi altissimi solo ringraziamenti.Lauro era un uomo brillante e mi disse che era gia’ un premio allenare il Napoli.Hai miei…

 

 

 

Lascia una risposta