Vico Equense atto di vandalismo al Faito con le fibre ottiche per Internet

0

Ieri, vigilia di ferragosto, tra le 14:00 e le 14:45 è stato perpetrato, in via Nuova Faito, un altro atto di sabotaggio sulla nuova infrastruttura in fibra ottica che la Argosid Network, sta realizzando in Penisola Sorrentina. A causa di questo deprecabile gesto, sono rimaste isolate dalla banda larga le frazioni di Arola e Preazzano di Vico Equense. Sul posto sono prontamente intervenuti i Carabinieri della Stazione di Vico Equense che, dopo aver effettuato i rilievi del caso, hanno provveduto ad acquisire i filmati delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona. Nonostante fosse un prefestivo – lo era anche il giorno del precedente sabotaggio – i tecnici della Argosid, con grande professionalità, hanno provveduto, in poco tempo, a ripristinare i collegamenti e i servizi connessi. Mentre le indagini seguono il loro corso – i reati connessi sono “sabotaggio”, “interruzione pubblico servizio”, “violazione di proprietà privata”, etc., – resta da capire chi e perchè ha interesse a danneggiare e/o ritardare lo sviluppo della rete in fibra ottica in Penisola Sorrentina. Rete che, oltre a risolvere l’handicap del digital divide per le frazioni di Moiano, S.M. del Castello, Patierno, Preazzano, Arola di Vico Equense, proietta la Penisola Sorrentina all’avanguardia nel settore delle telecomunicazioni. Quanto realizzato dalla Argosid, in un territorio esteso e complesso come quello di Vico Equense e, per il momento, a Piano di Sorrento, trova pochi riscontri a livello mondiale. Infatti, solo GOOGLE, in due quartieri a Kansas City nel Missouri e a Kansas City nell’omonimo stato, e SONY, nella città di Tokyo, hanno realizzato una infrastruttura in fibra ottica in grado di collegare le utenze finali con capacità, rispettivamente di 1Gb/1Gb e 2Gb/1Gb. Considerato che nessun operatore ha ritenuto conveniente investire sul nostro territorio per fornire servizi a banda larga e larghissima ai cittadini, va dato quantomeno merito alla Argosid per gli enormi sforzi economici sostenuti, per la caparbietà con cui è stato portato avanti il progetto, tra mille difficoltà, e per i risultati raggiunti.