Sorrento. Made in sud, caos e cafoni. E´ questo uno spettacolo per il turismo di qualità?

0

Sorrento. Spettacolo dei comici di “Made in Sud” al Campo italia. Caos e cafoni per il loro comportamento. Artisti in ritardo che non si presentano ad interviste concordate, la penisola sorrentina bloccata, l’area del Campo Italia a soqquadro. Un campo di calcio già nella bufera assalito da orde barbariche di spettatori, è questo uno spettacolo per il turismo di qualità? Eppure il Comune di Sorrento organizza eventi di altissimo livello come la mostra di Dalì, Sorrento Gentile; perchè cadere così in basso? 

Non si discute della bravura della  coppia Gigi e Ross, che ha attirato oltre 3500 persone, nè del divertimento di Pasquale Palma nei panni di “Vivo d’Angelo”, Alessandro Bolide “che ce ne fooot”, Mino Abbacuccio e il suo “titì”, Lello Musella e Gino Fastidio con il suo “cantante robotonico”.

Ma l’evento, organizzato dall’Associazione Culturale, “Flying Events”, ha creato disagi enormi. La colpa non vogliamo farla ricadere su nessuno, nè vogliamo essere strumentalizzati per attaccare qualcuno, è il contesto che non andava e forse si doveva sperimentare.

A parte i ritardi e le auto che passavano fra la gente che aspettava, mentre sarebbe stato opportuno chiudere la strada, attirando un turismo mordi e fuggi che non tutti gli operatori vorrebbero come target di qualità, con la sgradita presenza di non pochi cafoni che hanno lasciato i propri mezzi dove capitava sequestrando in casa i sorrentini.

I giornalisti di Positanonews, il giornale della penisola sorrentina e costiera amalfitana, nonostante fosse stata loro accordata un’intervista con i protagonisti di Made in Sud, dopo aver atteso ore hanno dovuto rinunciare. In tutto questo i servizi d’ordine pensavano solo ai biglietti paganti di una esibizione che, secondo i residenti della zona, ha creato non pochi problemi.

Nella sezione News Penisola Sorrentina altri articoli 

 

A SORRENTO PRIGIONIERO IN CASA CON NONNO MALATO PER CONCERTO AL CAMPO ITALIA DI MADE IN SUD     

 

L’USO DEL CAMPO ITALIA A SORRENTO PER EVENTI VA FATTO PAGARE ED I SOLDI VANNO AL COMUNE E DIAMOLO AI SORRENTINI L’APPELLO DI FEDERICO IACCARINO E ANTONIO CAFIERO LA PRIMAVERA