Ascea Cilento turista travolta da auto e uccisa mentre passeggia

0

ASCEA Una passeggiata sotto le stelle è costata la vita a una turista toscana, travolta ed uccisa ieri sera ad Ascea Marina da una vettura guidata da un giovane del posto. Per la signora Carmela Coticella, 75 anni, di Montemurlo, in provincia di Prato, in vacanza con il marito, non c’è stato nulla da fare: è morta sul colpo mentre camminava sul bordo della carreggiata di una strada in località “triangolo rosso” della località marina cilentana. Per cause ancora da accertare, il ragazzo alla guida della vettura – una Fiat Punto – non ha visto la donna che camminava e l’ha travolta centrandola in pieno. Il corpo è stato addirittura trascinato dinanzi all’autovettura per quasi duecento metri prima che la Fiat si fermasse. Come è facile intuire, sono stati inutili tutti i soccorsi, non c’è stato né tempo, né possibilità di chiamare il 118, Carmela Coticella ha perso la vita all’istante, forse non si è neanche accorta del sopraggiungere della vettura che l’ha travolta. La donna e il marito a quanto pare hanno ascendenze familiari proprio ad Ascea dove trascorrevano spesso periodi di vacanza. Sul posto sono subito arrivati i carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, raggiunti poco dopo dal medico legale Adamo Maiese, incaricato di un primo esame esterno sul corpo della donna dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania che indaga sull’incidente. Il sostituto procuratore, Valeria Palmieri, ha disposto il trasferimento della salma nella sala mortuaria del “San Luca”. Secondo prime indiscrezioni, il magistrato dovrebbe limitarsi all’esame esterno, visti i pochi dubbi sull’accaduto; ma una decisione sull’eventuale esame autoptico, verrà preso in queste ore. Nello stesso ospedale di Vallo della Lucania, è stato ricoverato il giovane di Ascea che ha travolto e ucciso la signora. Il ragazzo, poco più che ventenne, si è fermato dopo l’incidente ed ha anche cercato di prestare i primi soccorsi, poi però è stato sopraffatto dalla situazione ed ha ceduto: ora si trova sotto shock al “San Luca”. Nei suoi confronti non è stato emesso alcun provvedimento, almeno per ora, ma di certo verrà presto sottoposto al test alcolemico per chiarire se al momento dell’incidente fosse sobrio o sotto gli effetti di sostanze alcoliche. In località “Triangolo rosso”, intanto, i carabinieri hanno effettuato i rilievi dell’incidente, raccogliendo anche alcune testimonianze. Lo scopo è naturalmente quello di risalire alla dinamica del sinistro che è costato la vita alla donna, anche se restano davvero pochi dubbi. E fra le certezze c’è purtroppo anche quella dell’ennesima vittima della strada per un bilancio che racconta di cifre sempre più terribili. Vincenzo Rubano