Napoli. L´assessore allo sport Tommasielli fa annullare le multe alla sorella ed al cognato

0

Napoli. Un giallo quelle multe, sette, al varco Ztl di piazza Dante che l’assessore allo sport Pina Tommasielli – secondo la Procura – avrebbe fatto annullare per favorire i parenti. Intanto chi sono le persone che sarebbero state agevolate? Il cognato, sindaco di Villaricca e magistrato del Tar Franco Gaudieri. E la sorella dell’assessore Maria Teresa. Dunque un magistrato ritenuto al di sopra di ogni sospetto come del resto lo stesso assessore e un parente strettissimo. Quelle multe sono state rilevate dalla telecamera, perché si tratta di infrazioni alla Ztl, non c’è un vigile che ha sanzionato. Meccanismo freddo che può essere «alterato» solo intervenendo a monte e da palazzo San Giacomo spiegano come, proprio per difendersi. Ma procediamo con ordine. Secondo l’accusa, la Tommasielli avrebbe «alterato il registro di protocollo degli atti in entrata all’assessorato alla Mobilità facendo risultare depositate, in data anteriore alle contravvenzioni indicate, istanze di autorizzazione al transito nella Ztl da parte del cognato e della sorella sovrascrivendo e cancellando le preesistenti annotazioni del registro». Cosa ribattono dal Comune e anche dal municipio di Villaricca? Trattasi di «autotutela». Ovvero vetture di pubblico servizio, quindi abilitate a passare, e poiché l’autorizzazione c’era, per evitare di spendere i soldi dei ricorsi si è agito in automatico cancellando di fatto le contravvenzioni. Resta il nodo delle date da chiarire, ma ci penseranno accusa e difesa in tribunale. Da palazzo San Giacomo fanno sapere che presto faranno venire fuori centinaia e centinaia di azioni simili fatte per vetture di magistrati e forze dell’ordine e di tutte le autorità che, per motivi di pubblico servizio, transitano per i varchi Ztl e per le quali si procede allo stesso modo. Questa la tesi difensiva. Tutto risolto? (Luigi Roano – Il Mattino)