Benzina serrata sulle autostrade dal 16 luglio

0

Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Anisa Confcommercio confermano lo sciopero delle aree di servizio poste lungo tutte le tratte autostradali, tangenziali e raccordi compresi, dalle 22.00 del 16 luglio alle ore 6.00 del 19 luglio prossimi. Al termine di un incontro al Mise, i gestori invitano il governo ad intervenire per ”costringere compagnie petrolifere e concessionari al rispetto delle leggi e degli accordi”. “Imposizione dei prezzi dei carburanti più alti d’Europa, volumi di vendita in progressiva picchiata dal 2008, livello di royalty aumentati di oltre il 700% in 10 anni, accordi collettivi economici scaduti mediamente da più di quattro anni, valanga di lettere di disdetta dei contratti di gestione che espellono oltre 6.000 lavoratori e centinaia di imprese, impegni assunti con intese formali sottoscritti in sede istituzionale disattesi, norme di legge violate”. E’ questo, riportano le organizzazioni in una nota, il quadro rappresentato al sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti nel corso dell’incontro di oggi pomeriggio. “E sono queste – proseguono – le ragioni per le quali i sindacati dei gestori hanno pressantemente sollecitato il Governo a esercitare il suo autorevole intervento per garantire il rispetto delle norme vigenti e degli Accordi che esso stesso, anche nel recente passato, ha voluto e sottoscritto”. Al ministero dello Sviluppo economico, ora, tocca quindi il compito “di riportare all’interno delle regole i comportamenti delle compagnie petrolifere e dei concessionari autostradali che si spartiscono la torta degli affari prodotti con un bene pubblico, quello autostradale, affidato in concessione, ai danni dei lavoratori del settore, dei consumatori che lo utilizzano e dell’intera collettività”.