Governo sotto ricatto, sospesi lavori parlamento Movimento Cinque Stelle protesta VIDEO

0

Governo sotto ricatto, sospesi lavori parlamento Movimento Cinque Stelle protesta. Mentre siamo in piena estate in zone come le nostre in Campania, la Costiera amalfitana e penisola sorrentina, presi a vivere il turismo e a lavorare, con la crisi che incombe, a Roma la politica si frantuma, non pensano a tagliarsi gli stipendi, non pensano a fronteggiare i problemi economici, il Pdl, con la complicità del PD, è in rivolta dopo la decisione della Cassazione di fissare ad una data molto ravvicinata (il 30 luglio) la prima udienza del processo Mediaset.

Ecco come riporta la giornata l’Ansa, agenzia stampa seria e molto controllata sul linguaggio. Seduta sospesa nell’Aula della Camera dopo la votazione sulla sospensione dei lavori di oggi richiesta dal Pd. E’ scoppiata la bagarre quando i deputati M5S hanno urlato a quelli del Pd “Bravi, bravi, buffoni, buffoni”. Mentre c’erano i coretti ed i deputati grillini andavano ai piedi dei settori dove siede il Pd, c’é stato un alterco tra Piero Martino del Pd ed un deputato del M5S. Martino gli ha lanciato addosso dei fogli ed é scattata la baruffa, con i commessi che hanno faticato non poco a separare i deputati Pd da quelli di M5S. Alla presidente Laura Boldrini non è rimasto altro che sospendere la seduta.

“Se dovesse arrivare un ‘no’ sulla richiesta di moratoria dei lavori parlamentari capiremo che non c’è un governo di coalizione”, ha detto Daniela Santanchè questa mattina ai microfoni di “24 Mattino” su Radio 24, anticipando l’annuncio dei capigruppo alla Camera e al Senato del Pdl di chiedere una sospensione dei lavori dell’aula e delle commissioni. “Far cadere un governo – ha aggiunto Santanchè – non è un’azione politica, è una conseguenza di un’azione politica”. Ma il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, precisa: l’anticipo della sentenza della Cassazione “non mette a rischio la maggioranza ma la democrazia in questo Paese. Noi continuiamo a fare il nostro lavoro e andiamo avanti”

“Non vogliamo nè Aventini nè stop dei lavori. Avanziamo solo una richiesta di sospensione dei lavori parlamentari per oggi e domani per consentire al nostro partito di tenere una assemblea permanente e la direzione nazionale. Penso che sia un atto dovuto da parte del Parlamento in segno di rispetto per il nostro dibattito, le nostre scelte, le nostre discussioni”, ha detto il capogruppo del Pdl Renato Brunetta chiarendo la posizione del suo partito.

“La capigruppo del Senato ha deciso di accogliere la richiesta di sospensione dei lavori parlamentari avanzata dal Pdl, solo per oggi. Sel, comunque, resta contraria”, ha detto la capogruppo di Sel a Palazzo Madama, Loredana De Petris

I senatori del M5S si levano giacca e cravatta in Aula per protesta per la decisione della conferenza dei capigruppo di sospendere i lavori al Senato per l’intera giornata su richiesta del Pdl per la vicenda Berlusconi. Crimi ha poi invitato i senatori a uscire dall’Aula per rivestirsi

”Sono convinto che chiudere il Parlamento in queste condizioni sia un vulnus alla democrazia: se così sarà chiederemo immediatamente un incontro a Napolitano”. Così Roberto Maroni ha motivato il no della Lega alla richiesta del Pdl.

Il presidente dei senatori del Pdl, Renato Schifani, aveva chiesto la sospensione dei lavori dell’Aula di palazzo Madama e la convocazione della conferenza dei capigruppo. In Aula si stava esaminando il ddl per le riforme costituzionali. Il Pdl intende chiedere ai capigruppo della Camera, tramite il presidente dei deputati Renato Brunetta, il rinvio di ogni attività parlamentare “per tre giorni”, in Aula e nelle commissioni. E’ quanto si apprende da uno dei partecipanti alla conferenza dei capigruppo che dovrà esprimersi sulla richiesta del Pdl.

Intanto la Suprema Corte interviene con una nota sulla vicenda: la Cassazione ha l’obbligo ‘di determinare l’udienza di trattazione di ogni ricorso prima della maturazione’ della ‘prescrizione di alcuno dei reati oggetto del procedimento, a pena di responsabilità anche di natura disciplinare, e la Corte ha sempre adempiuto a tale dovere’. “Nel caso in esame – ha spiegato la Suprema Corte – nella assoluta normalità della doverosa prassi sin qui seguita, l’ufficio addetto all’esame preliminare dei ricorsi ha rilevato che la maturazione della prescrizione di uno dei reati sarebbe potuta cadere il 1 agosto 2013, compreso nel periodo feriale, e il presidente della Sezione feriale ha conseguentemente fissato la trattazione del ricorso per una udienza antecedente a tale data, previa richiesta di abbreviazione dei termini proposta, nel rispetto della normativa processuale, dalla procura generale”. La nota è stata emessa, sottolinea la Cassazione, “in relazione alla fissazione dell’udienza del 30 luglio 2013 in cui dovrà essere trattato il ricorso proposto avverso la sentenza della Corte d’Appello di Milano sulla cosiddetta vicenda Mediaset che ha suscitato le reazioni dei difensori di Silvio Berlusconi e di alcuni esponenti politici”.

Il presidente Cassazione respinge gli attacchi alla Suprema Corte “Ci siamo abituati a un linguaggio poco consono a una democrazia”, dice Giorgio Santacroce, con riferimento agli attacchi alla Suprema corte per il processo Mediaset, e in particolare a un quotidiano che ha titolato “Banditi di Stato”. “Tutti sono liberi di esprimere opinioni, ma nella correttezza”.

 

 

 

Lascia una risposta