Napoli. «Pacco» sventato ad una famiglia di americani

0

Napoli. Il prezzo era da fuori tutto: 100 euro per un iPhone, 150 per un iPad. Tecnologia a buon mercato, roba da far impallidire anche il sottocosto più accattivante. Peccato che in quelle scatole non ci fossero gli ambiti aggeggi col marchio della mela morsicata, ma mattonelle simili per dimensione e peso agli apparecchi elettronici mostrati ai turisti. Una seduzione, quella proposta da tre professionisti del pacco, che però non ha tratto in inganno una famiglia di turisti americani avvicinati martedì sera in via Vespucci. Gli statunitensi, sbarcati a Napoli con una nave da crociera, stavano facendo ritorno a bordo quando i tre truffatori (due dediti alla vendita e un terzo addetto al repentino passaggio del pacco al momento dello scambio denaro-oggetto) li hanno avvicinati. Ottenuto il rifiuto a concludere la compravendita, uno dei tre ha afferrato per un braccio il capofamiglia sotto gli occhi della moglie e del figlio minorenne, impedendogli di allontanarsi. A notare la scena sono stati due passanti, che sono intervenuti e, minacciati a loro volta dai truffatori, hanno chiamato la polizia. I tre, già noti alle forze dell’ordine per numerosi precedenti, sono stati arrestati e portati nel carcere di Poggioreale. Si tratta dei pregiudicati Nicola Fasano, 56 anni, Ciro Zito, 28 anni, e Angelo Maranta, 59 anni, quest’ultimo già sottoposto all’obbligo di presentazione presso la polizia giudiziaria. Tutti e tre devono rispondere del reato di tentata estorsione aggravata e sono indagati, in stato di libertà, con l’accusa di tentata truffa. (Il Mattino)