Cava de´ Tirreni. Bando per le bancarelle. Durante la festa ambulanti solo in piazza Amabile e nell´isola pedonale

0

Cava de’ Tirreni. Un bando per sistemare sessanta bancarelle in piazza Amabile e sulla nuova isola pedonale, di fronte alla scuola Don Bosco. È questa l’idea dell’assessore alle attività produttive, Giovanni Del Vecchio, il quale ha dato direttive all’ufficio Suap del Comune, di predisporre un bando di gara per la partecipazione degli ambulanti, in occasione della settimana di festeggiamenti in onore di Santa Maria incoronata dell’Olmo, prevista dall’8 al 12 settembre. La scelta di individuare in piazza Amabile, una delle sedi più opportune per le bancarelle, scaturisce dalla necessità di scongiurare malcontenti, come accade da diversi anni. Ogni ambulante cerca di assicurarsi i posti strategicamente migliori per le vendite e i preferito sono soprattutto quelli lungo le strade del centro storico e in piazza San Francesco. Da quest’anno, invece, trattamento uguale per tutti: l’unica sistemazione per gli ambulanti sarà in piazza Amabile (ex piazza Lentini) e nella nuova area pedonale, dove nei weekend viene allestito il mercatino dell’antiquariato. «Una sistemazione unica per tutti – afferma Del Vecchio – e nel cuore della città». Oltre a dare direttive all’ufficio attività produttive, l’assessore mira anche ad arrivare a quella data già con le carte pronte e a tal proposito riunirà le parti interessate per prevenire anche il minimo intoppo. «Convocherò una conferenza di servizio – sostiene l’assessore – tra suap e comando della Polizia locale, perché sarà necessario vigilare, per quanto di competenza, su questa situazione». L’intento di Del Vecchio è quello di eliminare polemiche sulle postazioni e, soprattutto, sfruttare l’allungamento della nuova isola pedonale per l’accoglienza di ambulanti e artigiani. Importanti novità riguardano anche l’altra parte di isola pedonale, quella di viale Garibaldi. Saranno installate delle panchine sotto i platani con la possibilità di concedere gli spazi pubblici ad attività di somministrazione bevande e alimenti. (Annalaura Ferrara – La Città)