Zurigo pittoresca e moderna

0

Gli eventi dell’estate a Zurigo iniziano questo weekend (venerdì 5 / domenica 7) con la Züri Fäscht, la festa popolare della Svizzera, che si tiene ogni tre anni. Intorno al bacino del lago e in tutto il centro storico la kermesse regala svago e divertimento per tutte le età e per tutti i gusti. Faranno da cornice all’evento i grandi fuochi d’artificio spettacolari che illumineranno il lago accompagnati da tanta buona musica. Continuando a sfogliare il calendario delle feste, si può trovare senz’altro l’evento giusto per ogni esigenza. Tanti sono infatti gli avvenimenti degni di nota come il Festival di Zurigo che si svolge a giugno e luglio, una combinazione unica di opera, concerti, recitazione, danza e prosa, o il Theater Spektakel di settembre, uno dei festival europei più importanti nell’ambito delle forme espressive contemporanee di arti figurative. Per informazioni sulla città e sulle prossime iniziative si può accedere al sito www.zurigoturismo.com. È dunque di buon auspicio per questi mesi più caldi dell’anno questa festa sulle rive del lago. È importante sapere che l’acqua potabile non manca certo a Zurigo e un bel sorso d’acqua sarà garantito in ogni momento della giornata bevendo da una delle svariate fontane (ce ne sono circa 1.200), spesso vere e proprie opere d’arte, che si possono trovare lungo le strade. Zurigo, ubicata nel cuore della Svizzera, gode di collegamenti diretti con oltre 180 destinazioni diverse e si trova a soli 10 minuti di treno dalla Hauptbahnhof, la stazione centrale, crocevia ferroviario europeo situato nel cuore della metropoli. La città è un valido esempio di quanto si può offrire all’ospite, sia che si viaggi da soli o in coppia, sia che ci si muova con la famiglia al seguito. Da qualche anno è infatti una destinazione indicata per accogliere bambini in qualsiasi periodo dell’anno, grazie alle infrastrutture di numerosi parchi in città e nei dintorni. Anche lo sport è di casa a Zurigo, dove tutto è a portata di mano. La bicicletta è sicuramente un mezzo comodo e pratico per arrivare ovunque, grazie soprattutto al noleggio gratuito per i giovani. Si possono reperire cicli nei pressi di Sihlpost e nelle immediate vicinanze del Museo Nazionale Svizzero, presso Globus City sulla Bürkliplatz, alla stazione ferroviaria di Enge e presso il Swissôtel Oerlikon. Sempre in tema di tempo libero al molo 7 del Limmatquai è possibile trovare pedalò, barche a remi e barche a motore. D’estate sono gli stabilimenti Tiefenbrunnen e Wollishofen ad affascinare, nonché la piscina all’aperto Allenmoos, con attrazioni realizzate su misura per i più giovani. Protagonisti della vita notturna estiva sono gli stessi stabilimenti balneari dove di giorno si fa il bagno e si prende il sole e di notte è un ritrovo al top per un drink accompagnato da buona musica. Anche il panorama culturale di Zurigo è notevole con più di 50 musei ed oltre 100 gallerie, collocate a pochi metri l’una dall’altra lungo la “via dell’arte”, la Rämistrasse. Tra i musei storici degni di nota il Kunsthaus, museo di arti figurative di Zurigo, che ospita ricche collezioni di dipinti, sculture, foto e video, oltre ad un’ampia raccolta delle opere di Alberto Giacometti, oltre a 17 dipinti di Edvard Munch, la più grande selezione esposta fuori dalla Norvegia. A pochi passi dalla Stazione Centrale di Zurigo, poi, si può visitare, utilizzando la ZürichCARD (wwww.zuerichcard.ch) da 24 ore o da 72 ore (attiva anche per circolare liberamente su tram, autobus, treni, battelli e funicolare in tutta Zurigo e dintorni), il Museo Nazionale Svizzero, un edificio che risale a più di 100 anni fa dove si può ammirare la più vasta collezione storico-culturale del paese. Ma l’arte, a Zurigo, si vive anche al di fuori di musei e gallerie. Ne sono un esempio la Sala Giacometti nella Centrale della polizia, o le splendide vetrate di Marc Chagall nella chiesa Fraumünster. Anche i locali del quartiere di tendenza Zürich-West hanno fatto di Zurigo una metropoli delle feste, qui si può trovare il bar di tendenza di fronte al pub alternativo perché si usa affermare a Zurigo che dal vecchio nasce sempre qualcosa di nuovo. ll fascino internazionale attira da tempo stilisti, designer di scarpe, gioielli, tessuti e mobili ed è qui che vengono alla luce gran parte delle creazioni svizzere di design che occupano professionalmente un dodicesimo dei lavoratori zurighesi. Non a caso anche nella ex zona industriale, oggi zona “in” della città, si lavora all’insegna della parola “riciclaggio”. È nel 2006 che i fratelli Freitag hanno voluto realizzare un nuovo “Freitag Shop” dove è ospitata la più ampia selezione di “Individual Recycled Freewaybags” formata da 1.600 borse. La collezione si può trovare in 17 container arrugginiti accatastati uno sopra l’altro. Per la materia prima largo all’inventiva. Qui, vecchi teloni di camion vengono tagliati a mano dai designer di borse e trasformati in esemplari unici funzionali, robusti e resistenti all’acqua insieme a camere d’aria di biciclette, cinture di sicurezza usate ed airbag. Con circa 250 hotel e 15.000 camere, Zurigo propone pernottamenti di ogni genere, dal semplice ostello della gioventù all’hotel di lusso. Tra gli alberghi che fanno tendenza c’è il Boutique hotel B2 sull’Hürlimann-Areal posizionato laddove una volta erano i locali di cottura e la sala macchine della vecchia fabbrica della birra Hürlimann di Zurigo. Nel 2012 i locali sono stati trasformati in albergo con bagni termali particolarmente suggestivi che dalle tinozze dei piani bassi (volute così per ricordare la storia del birrificio), ma effettivamente vere e proprie piscine termali, attraverso un ascensore si passa sul tetto dell’albergo tutto dedicato ad una grande vasca idromassaggio con vista mozzafiato sul Zurigo. Con 51 grandi camere di design e nove suite su due piani, il boutique hotel B2 a 4 stelle ha accesso diretto alle terme e alla SPA (www.thermalbad-zuerich,ch). Per dare un’idea della vita a Zurigo basta entrare nei ristoranti, posti lungo il fiume, noti per le loro specialità zurighesi dal sapore classico, locali ricchi di storia che riporta ai tempi delle corporazioni artigiane che governarono Zurigo dal XIV al XVIII secolo. L’ambiente di questi ristoranti è perfetto e gli chef creativi non mancheranno di elaborare piatti della tradizione come la Zürcher Geschnetzeltes, lo spezzatino tipico di Zurigo. Nelle giornate più calde, sono le terrazze con giardino e vista mozzafiato sulla città e sul lago o i ristoranti in riva all’acqua ad attirare gli ospiti. Ma a Zurigo si incontra anche la Haute Cuisine: la città conta infatti più di 40 ristoranti insigniti di punti Gault Millau. Per i cuochi provetti della città sulla Limmat, l’alta cucina è una forma d’arte. I loro laboratori sono la quintessenza del lusso gastronomico, con sfarzose sale da pranzo, un ottimo servizio, carte dei vini di prima scelta ed esperti sommelier. E, per soddisfare la voglia di dolci, niente di meglio degli eleganti caffè zurighesi con torte fatte in casa e specialità a base della famosa cioccolata elvetica. Per informazioni generali sulla nazione elvetica è attivo il sito internet della Svizzera Turismo: www.myswitzerland.com. Harry di Prisco

Lascia una risposta