Ravello Festival concerto della fanfara dei Carabinieri concerto omaggio a Dalla in Auditorium Paladino VIDEO

0

Con la fantastica fanfara dei Carabinieri , alla presenza di tutti gli uomini dellì’Arma della costa d’ Amalfi , si è dato il via questa mattina al Ravello Festival,  poi le opere di Paladino l’artista di Paduli in provincia di Benevento fra i più noti all’estero della Campania, con un  filo diretto Napoli New York  (vedi vido di Lucio Esposito  caricati il 29 giugno 2013 su Positanonews TV  )e stasera una rivisitazione musicale di Dalla l’artista scomparso che amava la Costiera amalfitana e la penisola sorrentina (cittadino onorario di Sorrento ) . Ravello guarda al “Domani” e riparte per un viaggio lungo 70 giorni alla riscoperta dei tanti personaggi che in passato ne hanno segnato in maniera indelebile la storia. Il Ravello Festival guidato dal nume tutelare, Richard Wagner, dedica l’edizione 2013 a Oscar Niemeyer e la sua giornata inaugurale a Lucio Dalla, due uomini che in modo diverso, ne hanno caratterizzato la storia recente. Sabato 29 (ore 21.30), nell’auditorium Oscar Niemeyer (e non più a Villa Rufolo a causa del maltempo)  via libera alle note con una prima assoluta che vedrà protagonista la produzione musicale di Dalla reinterpretata in chiave sinfonica da Beppe D’Onghia, principale partner artistico del maestro bolognese negli ultimi tre decenni. A dare vita alle Variazioni Sinfoniche la Nuova Orchestra Scarlatti e l’Ensemble Vocale di Napoli, diretto da Franco Biglino. “Tra i molti doni che Lucio Dalla ha inteso lasciare come traccia di sé, quello che ci vede tutti destinatari in egual parte è senza dubbio il dono della universalità del messaggio musicale e della sua valenza emotiva. È da questo assunto che nascono le Variazioni Sinfoniche, che a tale universalità rendono omaggio, cogliendone l’ispirazione più autentica che diventa fonte per una nuova composizione che pare muoversi in una dimensione atemporale, nella quale è la forma sinfonica a tracciare una linea continua tra i modi espressivi della classicità, i temi del presente e le attese del futuro”. Le parole di D’Onghia, per l’occasione non solo autore ma anche direttore e solista, sintetizzano l’essenza del concerto. La scelta della Nuova Orchestra Scarlatti non è certo casuale, infatti l’ensemble napoletano è stato il “primo – spiega il maestro – a schiudere a Dalla le porte di una nuova dimensione sinfonica che gli ha rivelato aspetti inesplorati della sua musica”. È con la NOS, infatti, che Dalla realizzò un fortunato ciclo di concerti per l’Italia nel 2000. Il percorso musicale proposto da D’Onghia non sarà un tributo, un omaggio rivolto al passato, ma guarda al domani muovendo da alcune delle più felici creazioni di Dalla, esaltando nella rielaborazione sinfonica, che volutamente fa a meno dei testi, tutta la varietà, la forza e la poesia dell’invenzione musicale del grande artista bolognese. L’ouverture di Tosca amore disperato introdurrà, senza pause, alle atmosfere di Anna e Marco, dando il via a un incalzare di diversi momenti ed emozioni. Si andrà, per esempio, dal sorriso di Se io fossi un angelo alla nostalgia leggera e irresistibile di Piazza grande; dai dubbi di Futura alla tenera utopia de L’anno che verrà; dall’ironia di Attenti al lupo alla lirica passione di Caruso… In queste Variazioni Sinfoniche tutti saranno protagonisti nel ricreare i mille volti musicali di Dalla: coro e orchestra, da cui emergeranno ora una voce, ora un particolare colore strumentale a evocare di volta in volta una nuova emozione il tutto in una dimensione rigorosamente rispettosa della tradizione sinfonica. www.ravellofestival.com. Per info e prenotazioni 089.858422, boxoffice@ravellofestival.com. PROGRAMMA CONCERTO INAUGURALE Sabato 29 giugno Belvedere di Villa Rufolo, ore 21.30 BEPPE D’ONGHIA SOGNI Variazioni sinfoniche su musiche di Lucio Dalla NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI direzione e pianoforte solista Beppe D’Onghia Ensemble Vocale di Napoli direttore Franco Biglino Prima assoluta Posto unico € 35