MICCOLI CAPITANO DEL PALERMO INDAGATO PER ESTORSIONE

0

 De laurentiis e Rafa Benitez in costiera amalfitana

 

 

 

 

Dries Mertens ha sostenuto le visite mediche a Cerreto Sannita,giunto stamattina a Capodichino il calciatore era in compagnia dal Dottor De Nicola e Maurizio Micheli.L’esterno per adesso si sistemera’ in un albergo del lungomare insieme alla fidanzata.

 

 

Il calciatore è indagato per estorsione e accesso abusivo a un sistema informatico. Avrebbe chiesto il recupero di un credito al figlio di un boss, parlando con il quale ha definito Falcone “fango”. La sorella del magistrato: “Inqualificabile”. Sonia Alfano e il ministro D’Alia: “andrebbe radiato”. Rabbia dei tifosi sul web: “Ora ti scordi la Sicilia”. Zamparini: “Meglio che se ne vada da Palermo”. La Figc chiede alla Procura federale di aprire un’inchiesta

Amicizie pericolose e insulti verso uno dei massimi simboli della lotta alla mafia. E’ bufera su Fabrizio Miccoli, il capitano del Palermo scivolato maldestramente sulle sue frequentazioni con il nipote di Matteo Messina Denaro e con il figlio del boss della Kalsa, Antonino Lauricella, detto “Scintilluni”, con cui si divertiva a cantare “Quel fango di Falcone”. 

E dopo mesi di polemiche e indagini la Direzione distrettuale antimafia di Palermo ha preso una decisione. Il bomber dovrà essere interrogato. E non come testimone, ma come indagato. Ieri, gli investigatori del centro operativo Dia di Palermo hanno notificato al giocatore un avviso di garanzia, che ipotizza due reati pesanti: estorsione e accesso abusivo a un sistema informatico.

VIDEO / Miccoli e il figlio del boss

La prima contestazione è una clamorosa novità: il capitano rosanero avrebbe commissionato al suo amico Mauro Lauricella, il figlio del boss della Kalsa, il recupero di alcune somme dai soci di una discoteca di Isola delle Femmine. E i modi di Lauricella junior sarebbero stati piuttosto bruschi. La seconda accusa, per cui Miccoli 

 

era già stato iscritto nel registro degli indagati due mesi fa (come anticipato da Repubblica il 14 maggio) si riferisce invece a quattro schede telefoniche. Il capitano rosanero avrebbe convinto il gestore di un centro Tim a fornirgli alcune sim intestate a suoi clienti. Una di queste schede fu poi prestata a Lauricella junior nel periodo in cui il padre era latitante.

Le accuse nascono proprio dalle indagini finalizzate alla ricerca di Antonino Lauricella, il re della Kalsa poi arrestato dalla polizia nel settembre 2011. Per molti mesi la Dia tenne sotto controllo Mauro Lauricella, anche intercettando le quattro misteriose schede telefoniche di cui adesso deve rispondere Miccoli. Fra quei dialoghi non emersero conversazioni utili per la ricerca del capomafia della Kalsa, ma sono saltate fuori le relazioni pericolose del giocatore del Palermo. Al telefono, Miccoli e Lauricella insultavano persino il giudice Giovanni Falcone: “Quel fango di Falcone”, canticchiavano i due amici su un Suv mentre sfrecciavano per le vie di Palermo. E al telefono davano appuntamento a un altro amico in modo davvero singolare: “Vediamoci davanti all’albero di quel fango di Falcone”. 
Toni che stridono con quelli usati da Miccoli durante le partite del cuore, quando dedicava i suoi gol proprio a Falcone e Borsellino. La Federcalcio ha incaricato la Procura federale di aprire un’inchiesta sulla vicenda.

Reazioni. Parole che suscitano l’indignazione di Maria Falcone, sorella del magistrato: “Non ho aggettivi per qualificare Miccoli, anzi ritengo che non valga nemmeno la pena di spendere una parola”, dice Maria Falcone. “Che una persona dello sport e dello star system, che ha partecipato alle Partite del Cuore, quando dedicava i suoi gol proprio a Falcone e Borsellino, si esprima in quella maniera – aggiunge Maria Falcone – è davvero inqualificabile. Si vede – prosegue – che preferisce i boss alla legalita'”. “Ha dimostrato – conclude – scarsissima sensibilità. Era meglio non partecipare a quelle manifestazioni”. 

“Se venissero confermate sono affermazioni aberranti e inqualificabili, altro che calcio alla mafia. Non ci sono giustificazioni. Deridere un servitore dello Stato che ha sacrificato la vita nella lotta alla mafia è un fatto di una gravità inaudita che non può passare in silenzio soprattutto se dette da chi in questi anni è stato sui palcoscenici mediatici ed esempio per tanti giovani. Per mettere in fuorigioco le mafie, il calcio ha altri valori da seguire come l’esperienza della nazionale di calcio di Prandelli che si è allenata a Rizziconi in Calabria su un campetto confiscato alle mafie”. Così, in una nota, Libera. E proprio nei campi di Libera propongono di far “passare le prossime settimane” al giocatore Federico Orlando e Beppe Giulietti, presidente e portavoce di Articolo 21. “Così magari si farà una idea più chiara sulla mafia e su coloro che sono morti per aver sfidato coloro, i mafiosi, che hanno ‘infangato e infangano’ la sicilia e l’italia”

“Le parole di Miccoli su Giovanni Falcone sono sconcertanti, così come sono inaccettabili le sue frequentazioni mafiose”, scrive su Twitter il senatore Giuseppe Lumia, capogruppo del Pd in Commissione giustizia. “Ho atteso una precisazione da parte di Miccoli. Il suo silenzio e’ sconcertante. Vada via da Palermo con l’ignominia di tutti i palermitani”, scrive su Twitter Antonello Cracolici, deputato regionale siciliano e presidente della Commissione per l’applicazione del decreto Monti all’Ars.

Duro anche il commento di Sonia Alfano, presidente della Commissione antimafia europea e dell’Associazione nazionale familiari vittime di mafia: “Palermo non è la città di Lauricella, Riina e i Graviano: è la città di Falcone, Borsellino, Giaccone, Agostino, Iannì, Domè e moltissime altre vittime innocenti che la mafia l’hanno combattuta a viso aperto! Le dediche di Miccoli ai giudici uccisi dalla mafia oggi suonano come delle vere e proprie prese in giro. Andrebbe radiato dal mondo del calcio”. Dello stesso avvisoGianpiero D’Alia, ministro della Funzione pubblica: “Non può continuare a giocare perché ha tradito la fiducia di migliaia di tifosi che in lui, capitano del Palermo, hanno visto un esempio in cui identificarsi”. “Chi utilizza certe espressioni dovrebbe chiedersi, come io chiedo, se sia mai stato degno di rappresentare la città di Palermo” dice il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

“Auspichiamo che sia lo stesso calciatore a fare immediata chiarezza su quanto accaduto”, ha detto Danilo Leva, presidente del forum Giustizia del Partito Democratico, “un giocatore di calcio è un idolo per tanti giovani, e questo comporta precise responsabilità. Ci si aspetterebbe che fosse un esempio positivo e un modello di comportamento da seguire, evitando di cadere in affermazioni che feriscono il Paese, la Sicilia e Palermo, quella città cui Miccoli deve gran parte della sua fama e del suo successo”.

E scatta anche il “cartellino rosso” dei tifosi rosanero delusi dal ‘Romario del Salento’ che nei social network lo condannano senza appello. “Ora ti scordi la Sicilia”, reagisce un tifoso sulla pagina Facebook di Miccoli, comunque in partenza, anche per l’insofferenza crescente di patron Zamparini legata proprio agli sviluppi dell’inchiesta. “Una feccia? Sei una merda”, gli urla una giovane. 

E su Facebook nasce il gruppo “Vogliamo la radiazione di Miccoli per la frase su Falcone”, con un centinaio di adesioni. Non solo. Sempre sui social network si chiede che il Palermo “prenda le distanze” dall’ex giocatore rosanero sulla frase choc sul giudice ucciso nella strage di Capaci. Fino al pomeriggio il Palermo Calcio non si è espresso sulla vicenda, tenendo la foto del capitano sulla homepage del sito, poi le parole del patron Maurizio Zamparini: “Mi dispiace tantissimo, speriamo che sia un lapsus della procura. Conoscendo Miccoli non penso che lui possa fare un’estorsione a nessuno. Le sue parole? No comment, bisogna vedere esattamente cosa ha detto. Mi rende sconcertato che i giornalisti sappiano delle intercettazioni che devono essere un segreto, poi lo sarei se lui le dovesse aver dette per davvero”.

“Avevo un sentore, non che fosse indagato, ma che la procura stesse facendo delle verifiche perche’ lui aveva delle amicizie -ha detto Zamparini ad Antenna Sicilia secondo quanto riporta Stadionews. Questo pero’ accade a tutti i giocatori, mica sanno che balordi frequentano. Per questo penso che faccia bene ad andarsene da Palermo”.

“E’ un demente e con lui quelli che lo acclamano”, qualcuno scrive su Twitter. Per altri il simbolo di un “calcio marcio”. “La società del Palermo rescinda subito il contratto”, esorta un tifoso. “Delusione infinita”, incalza un altro.

 Fonte.repubblica

Lascia una risposta