Agropoli. Il Consiglio di Stato riapre l’ospedale Civile

0

Agropoli. Il Consiglio di Stato riapre l’ospedale di Agropoli fino al 12 luglio sospendendo il decreto firmato dal presidente dell’Asl di Salerno Antonio Squillante per la trasformazione del plesso in Psaut. La struttura quindi resterà operativa in tutte le sue funzioni ancora tre settimane, quando lo stesso Palazzo Spada si pronuncerà nuovamente prima dell’ultimo grado di giudizio, sul ricorso presentato dal Comune del sindaco Franco Alfieri dopo la sentenza del Tar che il 5 giugno scorso aveva respinto l’istanza dell’Amministrazione comunale agropolose avverso la riconversione del plesso ospedaliero. Quindi, i pazienti attualmente ricoverati non dovranno più essere trasferiti e tutti i servizi resteranno attivi, in particolare quelli per la terapia anticoagulante, diretti dal responsabile Carmine Oricchio, così come quelli del reparto Allergologia, coordinato dal primario. Vincenzo Patella. “Rilevato che l’attivazione – come struttura sostitutiva – della postazione Psaut è prevista solo dal 20 giugno 2013 con la contestuale soppressione del Pronto Soccorso con i connessi servizi – si legge nel provvedimento di Palazzo Spada – rilevato, altresì, che il Pronto Soccorso è dotato di 5 unità operative, tra cui Utic e Rianimazione ed i Servizi di Radiologia, Laboratorio analisi e Farmacia; considerato che nella stagione balneare la viabilità nell’area cilentana vicina alla costa presenta gravi problemi a causa del grande volume di traffico e che nell’area tra Agropoli e Castellabate alla popolazione residente si aggiunge quella dei turisti, stimata in circa 850mila persone; considerato, pertanto, che i tempi di percorrenza per raggiungere i presidi ospedalieri di Vallo della Lucania e di Battipaglia non appaiono – ad un primo esame – verosimilmente compatibili con le esigenze degli interventi di assistenza di urgenza, si accoglie l’istanza di decreto cautelare monocratico e per l’effetto sospende in parte gli effetti della ordinanza appellata dal Tar Campania”. (Metropolis)