Positano ristorante Da Vincenzo una crescita strepitosa

0

Strepitoso. Non c’è che dire. Siamo a Positano, nella perla della Costiera amalfitana, termine forse abusato, ma è così. Il tempo e la vita ci impediscono di stare dappertutto, ma conosciamo Giosuè Porpora, lo staff di cucina (guidato dallo chef De Simone originario di Moiano in Vico Equense con Francesco Speranza ) e sopratutto osserviamo Vincenzo il figlio, degno erede di una stirpe di qualità, intelligente, brillante, cordiale come i genitori, preparato (non si è limitato all’arte casalinga, ha seguito anche corsi con la scula del Gambero Rosso a Roma, ndr). Ce ne hanno parlato bene e ne abbiamo avuto ampia conferma. Il locale meraviglioso scavato in parte in una grotta, arredato con gusto e semplicità, ingredienti freschi, servizio veloce ed efficiente, pratico  capace e simpatico Raffaele,  tempi di attesa minimi e questo è straordinario dalle nostre parti.   Giosuè e  Marcella tengono la sala in mano, sovrintendono tutto, con discrezione. Un’escalation di piatti ha reso un pranzo fatto per curiosità, ma anche per simpatia, memorabile. Totani e patate rielaborati con julienne di patate e a seguire cous cous con i gamberetti, pasta con fave e ricotta, misto di pasta con frutti di mare, gli stessi gnocchi, dati alla bambini, straordinariamente leggeri. Qui c’è il tocco del cultore, ogni particolare non va trascurato! Bravo! Vogliamo parlare dei dolci? Strepitosi.. tutti  indistintamente, non c’è che dire. Questo articolo magari verrà sistemato,  e poi spostato nella sezione enogastronauta di Positanonews, con tutti i particolari, ma abbiamo voluto scrivere sull’onda del momento, ll locale merita, complimenti davvero