Positano e Praiano, estate calda nei trasporti, aumenti improvvisi del Flavio Gioia e corse piene da Montepertuso

0

Positano, Costiera amalfitana. Ancora aumenti per la società di trasporto pubblico interno di Positano e Praiano, la srl “Flavio Gioia” di Rianna. Si parla di un aumento del costo del biglietto di ben 10 centesimi senza nessun preavviso. Inoltre aumentano gli ospiti fra Nocelle e Montepertuso e si segnalano casi di mamme con bambini lasciati a piedi perchè gli autobus, oltre che pochi, sono troppo pieni. Una storia che si ripete, ricomincia l’estate calda dei trasporti anche in costa d’Amalfi.

Pubblichiamo un intervento al proposito.

All’indomani del rincaro del biglietto (fatto senza preavviso e senza dare il giusto risalto alla cosa) è accaduto un episodio alquanto discutibile. Il fatto vede come protagonista il trasporto “pubblico” locale di Positano. Stamattina alle ore 8,40 alla fermata “Acquolella” l’autobus Montepertuso-Nocelle direzione Positano non si è fermato per far salire due utenti, quando poi alla fermata “Corvo” ha ritenuto opportuno far salire chi era a terra. Non mi interessa sapere se era stracolmo (allora vorrei sapere se era rispettata la norma del limite di persone che possono essere trasportate) o meno, perchè si sa che quella corsa prevede un così elevato numero di persone a bordo e chi offre il servizio è tenuto a prendere i dovuti provvedimenti. Quello che però ritengo grave è che, interrogato, l’Assessore ai Trasporti Guarracino ha risposto che non sapeva niente del rincaro (forse non sarebbe meglio “vivere il paese”?) e che il trasporto pubblico non compete al Comune ma alla Provincia. Non è retorica dire che come abitante di Via Mons. Saverio Cinque mi sento un cittadino di serie B. Tante volte lo scaricabarile Comune – Provincia ha reso e rende ancora lenta la possibilità di progresso di questo tratto. Non voglio scatenare polemiche ma chiedo, come cittadina, di essere tutelata e che fatti incresciosi come questo non abbiano mai più a verificarsi.