SORRENTO TERRA DI NESSUNO

0

Riceviamo e pubblichiamo

Sorrento torna la problematica del controllo del territorio . Venditori ambulanti, mendicanti, zingari sono presenti in ogni angolo di strada. I vigili sono inermi oppure non riescono a vigilare le nostre strade. Ogni giorno arrivano nelle strade carovane di queste persone. La giunta comunale ha fatto una guerra spietata contro gli artisti di strada, che davano colore alle piazze di Sorrento, considerata l’ultima oasi di pace. Invece ora vieni preso d’assalto da mendicanti che ti vogliono vendere fazzoletti, calzini, fiori, zingari che ti vogliono vendere il tutto. I commercianti, esausti da problemi nazionali, devono fare i conti anche con la tassa del suolo pubblico e la Tarsu, vedi ad esempio i comuni Lattari come S. Antonio Abate ed altri comuni limitrofi, dove i sindaci hanno ridemsionato le tasse la quale Tarsu, cosa che dovrebbe fare anche il comune di Sorrento, cosa che farà. Non riesco che vedere nero. Un cittadino sorrentino arrabbiato ed esausto di tutto si rivolge alla politica locale apostrofando con dei vocaboli che è meglio non pronunciare. Sorrento veniva considerata il fiore all’occhiello della penisola, ma attualmente non è più il fiore ma il cappello a cilindro dei maghi in cui si trova di tutto e di più. Ieri mi ha fermato un cittadino residente in via S. Antonino e mi ha confidato che si è visto recapitare un verbale di 24,00 euro per transito di non residente. Il povero cittadino è dovuto recarsi al comando opponendosi al verbale dichiarando di essere residente in via S. Antonino. Il cittadino C.M. non ha ottenuto la nullità del verbale e dovrà pagarlo. Non è il solo a cui succede una cosa del genere a Sorrento anzi, parlando con i cittadini, sono in molti a lamentarsi di tali cose. Povera Sorrento… che fine farà! Mario Pandolfi