Sorrento, c´è piazza e piazza…

0

di Salvatore Caccaviello

Mentre per piazza Sant’Antonino l’amministrazione ha programmato un nuovo restyling investendo con il contributo della regione una somma di rilievo, la “nuova” Piazza Veniero dopo sporadici interventi continua purtroppo a rimanere nel degrado.

Sorrento – Piazza Sant’Antonino rappresenta per i sorrentini senz’altro qualcosa di speciale, in quanto oltre a considerarsi il cuore storico ed attivo della città, su di essa affacciano due edifici di rilevante importanza, come la sede del Comune e l’antica basilica del Santo Patrono di cui la piazza prende il nome. Le amministrazioni che si sono succedute, nel tempo, al comando della città hanno tenuto sempre un occhio di riguardo sia per la manutenzione che per l’ordine di tale luogo, in modo tale da farlo apparire sempre in forma smagliante. Risale appena al 2009, opera della precedente amministrazione Fiorentino, l’ultimo restyling di piazza Sant’ Antonino e se si esclude il taglio forzato delle palme, per i noti motivi, essa tuttora si presenta in uno stato a dir poco brillante. Ciò nonostante l’attuale Amministrazione circa due anni fa, su proposta dell’assessore alla edilizia privata e con la collaborazione dell’Ing. Cannavale, ex Dirigente dell’ UTC, approvò un progetto che prevedeva un’ulteriore restyling di piazza S. Antonino. Ora a distanza di tempo, nonostante la città presenti ulteriori e più gravi problematiche, si ritorna a parlare di tale intervento. Infatti, nell’affidare all’Ing. Donandio (attuale responsabile dell’ UTC) il nuovo progetto di restyling, l’amministrazione è decisa a portare avanti tale iniziativa. Tale nuovo intervento sta provocando una serie di malumori tra molti cittadini che vedono nel progetto una spesa superflua e al momento fuori luogo. Visti i tanti problemi irrisolti della città e le enormi difficoltà per tante famiglie nel sopravvivere. Infatti il nuovo restyling prevede una spesa di circa 240mila euro di cui circa 200mila oggetto di un finanziamento regionale mentre i restanti 40mila saranno frutto di una variazione di bilancio. E’ senz’altro giusto e condivisibile che essendo Sorrento una città turistica, rinomata in tutto il mondo, bisogna che l’amministrazione ponga continuamente la propria attenzione sulla manutenzione ed eventuale recupero delle parti storiche della città, ma quando realmente se ne vede il bisogno! Piazza S. Antonino di sicuro attualmente è ben tenuta e non necessita per il momento di alcun restyling . – Potrebbe essere invece opportuno che l’Amministrazione si concentrasse su altre parti, allo stesso modo, importanti della città che attualmente versano in uno stato disastroso. Al momento se c’e una piazza su cui l’amministrazione dovrebbe in modo concreto concentrare l’attenzione, dato le continue lamentele dei cittadini, commercianti e finanche dei turisti, è senz’altro l’opera perennemente incompiuta di Piazza Veniero.  Dove,dopo il grosso investimento effettuato dalla recente Amministrazione Fiorentino che non potè ,per fine mandato ,realizzare a fondo il progetto, una moltitudine di cittadini si domanda, se quello attuale di quasi abbandono, ,sia lo stato definitivo della piazza. Dopo recenti sporadici interventi sollecitati più che altro dalle vivaci proteste dei cittadini, di cui positanonews si è fatto in varie occasioni portavoce, la piazza continua a rimanere in uno stato di semi degrado. Molte sono le proteste dei commercianti per l’assoluta mancanza di vigilanza sia durante le ore diurne che di notte quando la piazza diventa praticamente terra di nessuno. Quello della mancanza di vigilanza, un vigile fisso in pianta stabile, è senz’altro la problematica più sentita da parte dei commercianti e della popolazione residente. Dato tutta l’area della piazza quotidianamente viene destinata a campo di calcio sia da parte di ragazzi ma sempre più spesso anche da persone adulte. Numerosi sono i danni che si rilevano sia alle strutture ed anche fisici alle persone sedute ai bar della piazza. Ultimamente è stata presa di mira anche la statua di Salvador Dalì che è oggetto di continui atti vandalici. Il gioco continuo del pallone impossibilita anche tanti gruppi di turisti sostare per lungo tempo nella piazza che vedono insieme alle guide un ideale punto di ritrovo durante le escursioni in città. Mentre durante la notte,i cittadini residenti continuano a rilevare che ,la piazza diventa un parcheggio per i numerosi avventori dei locali notturni della zona e bivacco per gente ubriaca e talvolta di tossici. Inoltre, a parere di tanti residenti risulta vergognoso che l’amministrazione non abbia ancora provveduto a realizzare nei dintorni della piazza dei bagni pubblici, oppure delle panchine ed una struttura che ripari dalla pioggia e dal sole i cittadini ed i turisti alla fermata del bus. All’ulteriore proclama da parte dell’amministrazione per l’’ennesimo restyling di piazza Sant’Antonino i residenti e i commercianti di Piazza Veniero non credevano che si potesse arrivare a tanto. Sopratutto perchè importanti personalità risiedono in Piazza Veniero e dovrebbero vivere anch’essi tale quotidiane problematiche. Il caso di Piazza Sant’ Antonino e Piazza Veniero sta a dimostrare di come l’operato delle amministrazioni sempre più spesso , per motivi talvota “apparentemente assurdi”, non è affatto in sintonia con le vere esigenze della città e della popolazione. Eppure i cittadini non demordono e continuano a sperare che vi siano delle competenze e talvolta anche del buon senso nell’amministrare la cosa pubblica ma purtroppo giorno dopo giorno si deve rilevare che sono doti sempre più rare….- 8 giugno 2013 – salvatorecaccaviello positanonews