Scossa di terremoto sul Vesuvio

0

Una scossa di magnitudo 2.3 con epicentro la zona del Vesuvio è stata registrata dai sismografi dell’Osservatorio vesuviano oggi alle 12.48. E subito i centralini telefonici dell’ente sono stati presi d’assalto da decine di telefonate. A confermarlo è il direttore dell’Osservatorio, Marcello Martini, che però rassicura: «Nulla di preoccupante, si tratta della normale attività sismica che viene registrata quotidianamente dalle strumentazioni che monitorano il vulcano. Di scosse ne avvengono 600-700 l’anno, praticamente almeno una ogni giorno». Ma stavolta qualcosa non è andata come al solito, visto che – come conferma lo stesso direttore – sono state tante le telefonate giunte ai centralini dell’Osservatorio. Martini sostiene che la scossa odierna non è stata avvertita dalla popolazione: «Le scosse molto prossime al 2, come quella di questa volta, non vengono avvertite dalla gente. Sì, confermo che sono arrivate diverse telefonate ai nostri centralini. Ma gli utenti ai nostri operatori dicevano di avere saputo della scossa e non di averla avvertita». «Stiamo aspettando da molto tempo che la Protezione Civile ci convochi per discutere di un nuovo piano di evacuazione dei comuni che fanno parte della zona rossa» dice il sindaco di San Giorgio a Cremano, Mimmo Giorgiano, in merito alla lieve scossa. «La popolazione vuole essere preparata in caso di emergenza – aggiunge -. Non bisogna creare allarmismi ma non si può neanche sottovalutare la problematica».