Nasce "Amalfi online", un sito per conservare le bellezze amalfitane

0

Si è tenuta presso la sala giunta di Palazzo Sant’Agostino la conferenza stampa di presentazione del progetto “A.M.A.L.F.I on line”, che vede beneficiari il Comune di Amalfi ed il Comune di Atrani. Il progetto è finanziato dalla Regione Campania con il Por Campania Fesr 2007, per un importo di 100mila euro. Lo scopo è la digitalizzazione, messa in rete, promozione e valorizzazione – mediante un apposito portale web ed un catalogo – di beni archivistici, librari e culturali della Costa d’Amalfi attraverso itinerari culturali. Il progetto è disponibile al sito, ancora in costruzione, www.amalfi-online.it. Il progetto ha ricevuto i fondi essendo risultato in prima posizione nel bando e partirà tra sei mesi. Grande soddisfazione per gli ideatori e promotori del progetto, con il sindaco di Amalfi, Alfonso Del Pizzo che spiega: “L’idea nasce nel febbraio 2011 per creare la banca della cultura della Costa d’Amalfi. I due di comuni di Amalfi e di Atrani hanno partecipato anche con risorse proprie, creando opportunità di lavoro con un contratto a progetto”. Soddisfazione anche nelle parole del sindaco di Atrani Nicola Carraro: “È un progetto meraviglioso perché con un semplice click si potrà leggere la storia millenaria dei nostri due comuni”.  

Ci arriva una precisazione da Michele Cobalto “ è stato più volte ribadito che il sito, di cui è on line solo una versione embrionale, sarà via via implementato con i contenuti riversati da una banca dati a cui stiamo lavorando ormai da anni e che vanterà, al momento di primo “updating”, oltre 50.000 record tra fondi archivistici, bibliografici ed emergenze artistiche. Anche l’emeroteca servirà a conservare e a storicizzare un inestimabile patrimonio giornalistico sulla nostra Costiera. Concludo invitandola fin d’ora al Convegno finale del progetto che si terrà ad Amalfi a novembre e che presenterà tutte le ricerche effettuate. la parte scientifica del progetto sarà curata anche dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana che opera in Costiera fin dal 1975 e sulla cui affidabilità credo non ci sia nulla da osservare

Lascia una risposta