L´emozione va a teatro- recital degli alunni dell´Istituto Paritario "S. Maria" di Maiori

0

Maiori-Sabato 25 maggio presso l’auditorium “L’incontro” si è svolto il recital di fine anno che ha coinvolto gli alunni della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria dell’Istituto Paritario “Santa Maria” di Maiori. Alle ore 17:00 si sono esibiti i bimbi della Scuola dell’Infanzia che hanno portato in scena il testo “Il mio corpo in…cantato”, incentrato sull’importanza del corpo umano. Con movimenti appropriati e allegre melodie da loro cantate, i più piccoli hanno catturato l’attenzione del pubblico ottenendo numerosi applausi da parte dei presenti, soprattutto dalle loro mamme e dai loro papà, felici e visibilmente emozionati. In seguito, alle ore 18:00, si sono esibiti gli alunni di tutte le classi della Scuola Primaria che sono stati protagonisti prima della Presentazione d’Istituto, durante la quale hanno suonato il flauto, poi del recital “ ‘E furmechelle: Maiori tra canti e tradizioni”. Partendo dal termine “ ‘e furmechelle”, coniato tempo fa dal compianto poeta maiorese Peppino Di Lieto che così intitolava una delle sue più belle poesie in cui esaltava l’antica figura delle trasportatrici di limoni, è stato ideato un progetto didattico-teatrale che ha coinvolto i bambini durante l’anno scolastico, il cui scopo è stato quello di avvicinare i ragazzi allo studio e alla conoscenza delle tradizioni, della storia e della cultura locale. Attraverso ricerche, conversazioni guidate, proiezioni video, mega laboratori multi-attività, i bambini, guidati dalle loro insegnanti, hanno mostrato grande interesse e prodotto numerosi lavori, come ad esempio testi significativi ed oggetti in ceramica realizzati durante le attività di manipolazione con la creta. Con questi poi è stato

possibile allestire durante la manifestazione finale una piccola mostra visibile a tutti. Il testo portato in scena, frutto dell’accurato lavoro del laboratorio teatrale coordinato da Costantino Amatruda e la bravura dei ragazzi hanno emozionato il pubblico presente in sala. I più piccoli vestiti da limoni hanno regalato tanta allegria e divertito con le loro fresche battute; i “grandi” hanno riportato alla mente dei più il duro lavoro delle donne maioresi che in passato trasportavano quintali di limoni sulle loro spalle . E’ stata sottolineata la fame e la miseria vissute dai nostri antenati, quando i limoni rappresentavano l’unica fonte di sostentamento. Al termine della rappresentazione i bambini sono stati applauditi dai loro genitori e dalle numerose persone accorse per assistere al recital.
Un grazie di cuore va alla nostra cara Madre Colomba Russo che ci sostiene sempre in tutte le nostre attività, alle suore, alle insegnanti Lina Di Bianco, Olga Pero, Ornella Ferraioli, Sandra Sessa, Monica Esposito, Ida Cretella e Michela Vicedomini, a tutti coloro che hanno collaborato per la buona riuscita dello spettacolo e ai ragazzi l’augurio che possano far tesoro di questa esperienza e di tutte le conoscenze acquisite durante la vita scolastica. Non bisogna mai dimenticare il passato ma occorre mantenerlo vivo nel presente e consegnarlo integro al futuro…i nostri bambini…custodi di questo immenso bene.
Olga Pero, insegnante

Lascia una risposta