Sant´Agnello. Considerazioni post elettorali di Gianni Salvati . Sagristani il motore di tutto

0

E’ finita così come doveva finire! Con Piergiorgio alla ribalta ed Orlando a casa. Personalmente non ho mai avuto dubbi e l’esito, a mio parere, era scontato sin dal termine della campagna elettorale. L’unica incognita era lo scarto di consensi tra le due coalizioni, mentre la terza lista costituiva il classico specchietto per le allodole mediatico, che ha fatto parlare di sé soltanto per la presenza di un prete in squadra. Una campagna elettorale aggressiva condotta da Orlando, più basata su trovate d’effetto sulla popolazione che da concreti progetti e da una ottima capacità di dimestichezza con i mezzi informatici avevano davvero illuso quanti credevano che ci fosse partita tra l’ex sindaco deposto Orlando e l’assessore provinciale Sagristani. Tra l’altro Orlando, che sino a pochi giorni prima della presentazione delle liste non era nemmeno sicuro di essere lo sfidante ufficiale di Sagristani, si proponeva come l’uomo del rinnovamento; lui che, al pari di chi scrive, aveva più di quattro mandati consiliari alle spalle mentre Piergiorgio non ha mai fatto mistero di voler riproporre il buon governo di quando era stato primo cittadino. Certo le donne hanno costituito davvero l’unica novità di queste elezioni, avvantaggiate però dalla possibilità per l’elettore della doppia preferenza, mentre vi sono state clamorose bocciature come quella dell’uomo forte dello schieramento di Orlando, l’ex assessore Giuseppe Coppola 71 rimasto al palo. Io credo comunque, e lo dico senza piaggeria, che l’anima ed il motore di tutto sia sempre Piergiorgio! Come tanti anni fa avrebbe potuto fare il sindaco da solo con la nomenclatura comunale anche oggi ha dimostrato di aver visto giusto sia nella composizione della squadra che nella strategia da perseguire. Certo ora viene il difficile ma conosco l’uomo e so che ha le idee chiare e le energie per riportare S. Agnello ai fasti di un tempo, anche se oggi è sicuramente più difficile di allora, ma tutti insieme, anche chi non siede in consiglio comunale, lo aiuteremo in questo suo impegno. Lo richiede la popolazione ed il paese ed abbiamo il dovere di farlo! Gianni Salvati, ex consigliere comunale di S. Agnello