Sorrento. Dalì, benedizione dagli albergatori che esultano: "Un´opportunità per i nostri ospiti" VIDEO

0

Sorrento. Una vera e propria «benedizione» che bagna al meglio l’esordio dello «sbarco» della magia di Salvador Dalì a Sorrento. Gli albergatori della costiera possono decisamente esultare per la maxi-mostra che a stretto giro verrà allestita per il maestro del surrealismo. Il motivo, d’altronde, è molto semplice: rappresenta un’altra attrazione per i turisti, italiani e stranieri e che potrebbe consentire agli operatori dell’intero comparto peninsulare di migliorare giusto un po’ i numeri di incassi e presenze, in particolare in un momento di grossa difficoltà e pesanti problemi. In tal senso, curiosi e ospiti di Sorrento, ieri mattina, non hanno perso l’occasione per iniziare ad assaporare il «gusto» dell’arte. Perché la città del Tasso si è risvegliata con le statue più note disegnate dal genio artistico spagnolo messe in bella vista nelle piazze più importanti. Tante fotografie, tanti video, tanti sorrisi. Perché Dalì è un grande soprattutto se esaltato da una città del calibro di Sorrento. Nel salotto buono di piazza Tasso, in pieno centro, nelle vicinanze del viale utilizzato dai taxi per la sosta, è spuntata la riproduzione de «La donna in fiamme». In piazza Angelina Lauro, invece, c’è un’altra grande opera: «Omaggio a Tersicore». Mentre a piazza Veniero, lungo il corso Italia, spazio a «Il profilo del Tempo». Monta l’attesa, invece, per l’ultima statua che dovrà arrivare direttamente da Firenze, «Il piano surrealista». L’opera sarà piazzata nei giardinetti di piazza Sant’Antonino, nei pressi del Conservatorio di «Santa Maria delle Grazie», a quattro passi dal palazzo municipale. Insomma, si tratta di un vero e proprio ponte ideale tra Sorrento e la Spagna «costruito» con il genio artistico di Salvador Dalì. Merito della grande iniziativa culturale va alla Fondazione Sorrento e attuata con il patrocinio del Comune. L’esposizione delle riproduzioni delle statue di Dalì funge da aperitivo della grande esposizione composta da oltre 100 opere, «The Dalì Universe Sorrento», in programma dal 14 giugno al 29 settembre a Villa Fiorentino. Il percorso espositivo sarà articolato nelle diverse sale, per consentire ai visitatori di apprezzare l’infinità di capolavori realizzati con tecniche diverse, ma unite da un unico filo conduttore: la genialità dell’immaginazione del maestro spagnolo. Sculture in bronzo, grafiche rare, opere in vetro e manufatti in oro, ma anche mobili e oggetti di arredamento: un insieme di opere che testimoniano la versatilità e l’eclettismo che ha sempre contraddistinto il lavoro dell’artista catalano che, nel corso della sua vita è
riuscito a superare gli schemi e i «modi» del mondo dell’arte, per esprimersi negli ambiti più svariati quali quelli del cinema e del design. (Metropolis)