Maiori. Arrestato Nunzio Ferrara, portava droga in Costiera amalfitana con l´autobus della SITA

0

Maiori. Arrestato Nunzio Ferrara, portava droga in Costiera amalfitana con l’autobus della SITA. Viaggiando in autobus pensava di passare inosservato. Gli agenti della squadra mobile di Salerno, agli ordini del vicequestore Claudio De Salvo, lo tenevano però sotto controllo da un po’ di tempo. Hanno atteso che il 21enne maiorese, Nunzio Ferrara, arrivasse in piazza Vittorio Veneto per prendere l’autobus per la costiera amalfitana e lo hanno fermato. Il giovane aveva con sè mezzo chilo di hashish. L’acquisto della sostanza stupefacente era stato effettuato poco prima in pieno centro cittadino. L’arresto è avvenuto intorno alle 19,30 di venerdì: poche ore prima Nunzio Ferrara da Maiori, dove risiede, aveva preso un autobus per Salerno. Non è escluso che gli investigatori lo abbiano seguito oppure intercettato nella città capoluogo, insieme a persone note nell’ambito dello spaccio di droga. L’utilizzo dei mezzi pubblici, da parte del 21enne, era dettato dalla necessità di passare inosservato e sfuggire ad eventuali controlli delle forze dell’ordine. In realtà le trasferte a Salerno avevano come scopo l’acquisto dello stupefacente da rivendere al dettaglio. I fine settimana la Costa d’Amalfi, con l’arrivo della stagione estiva, diventa meta di molte persone specialmente giovani. La droga, quindi, da Salerno arrivava a Maiori e lì veniva spacciata. Il 21enne a quanto pare aveva creato intorno a sè un nutrito gruppo di assuntori. Lui stesso, tempo fa, era stata segnalato in Prefettura quale consumatore di droga: questo era l’unico «precedente» che lo legava al mondo degli stupefacenti. E forse qualche amicizia che non è passata inosservata ai poliziotti. Nunzio Ferrara, in passato, era stato denunciato per armi e non per possesso al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. Per questo motivo l’attività investigativa della squadra mobile prosegue sia per individuare i fornitori che eventuali complici del 21enne di Maiori. La polizia, in questi ultimi periodi, ha intensificato l’attività di controllo, oltre che investigativa, sul fenomeno dello spaccio delle sostanze stupefacenti su tutta la provincia.