CASTELLAMMARE LA FURIA DEI TIFOSI DELLA JUVE STABIA TRAVOLGE UNA VECCHIETTA FOTO

0

Città blindata per Juve Stabia-Verona, partita a rischio per la rivalità tra le tifoserie. L’arrivo di 800 tifosi dal veneto ha allertato le forze dell’ordine sin dai primi giorni della scorsa settimana quando le scorte di tagliandi sono andate a ruba in quel di Verona. La gara si è giocata in un giorno in cui a Castellammare sono iniziati i festeggiamenti per il patrono, San Catello, che proseguiranno oggi con la processione.

La Questura di Napoli ha inviato 250 agenti tra poliziotti, carabinieri e baschi verdi della Finanza per garantire l’ordine pubblico a cui si sono sommati gli agenti del commissariato stabiese. Nonostante il massiccio spiegamento di forze dell’ordine non sono mancati momenti di tensione dopo Juve Stabia-Verona terminata 3-0 per la squadra di Mandorlini. Al fi schio fi nale e dopo aver festeggiato la matematica salvezza, diversi tifosi della Juve Stabia hanno raggiunto il viale Europa cercando lo scontro con gli ultrà scaligeri che di lì a poco avrebbero lasciato il settore ospite per imboccare il raccordo autostradale. L’intervento e le cariche dei poliziotti hanno protetto il defl usso dei pullman e dei minibus con a bordo i tifosi provenienti da Verona. Intorno alle 18 il viale Europa chiuso al traffi co è diventato teatro di una fi tta sassaiola e lancio di bottiglie. Gli agenti hanno cercato a più riprese di allontanare i tifosi delle Vespe con cariche e poi con il lancio di lacrimogeni per disperdere la folla. Nella calca è rimasta coinvolta anche una coppia di anziani, travolta dalla furia dei tifosi mentre cercavano di darsi alla fuga. Il cordone di poliziotti, carabinieri e baschi verdi è riuscito a proteggere i tifosi del Verona che sono sfi – lati verso il raccordo dove, però, qualche bus sarebbe stato raggiunto da sassi prima di imboccare il casello autostradale. Scene da far west di un pomeriggio ad alta tensione in cui è forte la cortina di fumo dei lacrimogeni e l’odore acre che rende l’aria irrespirabile. Sull’asfalto del viale Europa, zona traffi catissima, i segni di un pomeriggio di ordinaria follia. Pezzi di calcinacci, pietre, vetri rotti e cassonetti dell’immondizia usati come barriere.

Alla fi ne non si registrano contusi e al momento nessun fermo anche se le immagini degli scontri saranno al vaglio del commissariato di Castellammare nelle prossime ore. Sugli spalti, all’interno dello stadio Menti, tutto è fi lato liscio. Gli ultrà del Verona sono giunti pochi minuti prima del fi schio d’inizio. In pochi istanti la curva Ferrovia si è riempita come un uovo con gli 800 tifosi scaligeri stipati nel settore ospiti. In tribuna coperta alcuni tifosi accreditati del Verona sono stati costretti ad allontanare il settore dagli steward per evitare caos. Gli ultrà della Juve Stabia hanno salutato l’ingresso delle due squadre con una coreografi a fatta di strisce giallo e blè con un effetto ottico riuscitissimo. Anche nei distinti sono state srotolate strisce colorate di giallo e blù con in mezzo una cartolina di Castellammare. Stabiesi e veronesi hanno dato vita ad una gara del tifo e sfottò. Hanno esultato e fatto festa gli 800 scaligeri dopo le reti di Cacia e Martinho e al 90’ ma anche gli stabiesi per la salvezza che hanno incitato i calciatori di Braglia