Sant´Agnello prima di tutto: La nuova scuola media, didattica moderna e informationtechnology

0

Generazioni di giovani, e con essi le loro famiglie, chiedono una nuova Scuola Media a Sant’Agnello. I metodi delle didattica moderna esigono spazi adeguati: il futuro, ma già anche il presente, è fatto di attività currucolari, laboratori teatrali e musicali, per non dimenticare l’approccio all’informationtechnology. Per questa ragione la realizzazione del nuovo edificio, in via dei Gerani, è al centro del nostro programma amministrativo. Per noi la scuola è prima di tutto istruzione, cultura, quindi una priorità assoluta. E’ giusto chiarire la situazione del progetto che l’amministrazione Sagristani lasciò in sospeso cinque anni fa, a fine mandato. Era tutto pronto: progetto approvato, suolo per la costruzione acquistato, un milione e mezzo di euro di fondi recuperati dalla legge ex 219 e due milioni dalla vendita del terreno della Msc (quello per il progetto oggi quasi completato). Da quel momento nulla è stato fatto: i due milioni di euro sperperati in luminarie, feste e altro, addirittura è stato fatto scadere il parere ambientale, progetto quindi da rifare. Adesso abbiamo la possibilità di far ripartire la costruzione di quest’opera, il finanziamento può essere ottenuto da fondi statali o regionali, oppure  con la formula  del  contratto di disponibilità previsto dal codice degli appalti, che assicura tempi e costi certi, senza indebitare in modo eccessivo le casse comunali. Abbiamo un’idea anche per l’attuale struttura utilizzata come scuola media: i locali dell’attuale  Gemelli saranno recuperati come spazi ricreativi per giovani ed anziani, all’interno sarà realizzato un teatro cittadino con corsi di avviamento alla musica ed alla recitazione. Nel vecchio edificio scolastico, inoltre, sarà realizzato il progetto Poin Energia per l’efficientamento energetico al fine di permettere la manutenzione dell’immobile. Questa è la nostra proposta, aspettiamo le vostre idee e i vostri pareri a riguardo. Per rendere tutto ciò possibile abbiamo bisogno del vostro aiuto e del vostro consenso, i cittadini torneranno ad essere sovrani.